Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Foto Mondo La guerra in Ucraina non si ferma, missili su 3 città nella regione di Kiev dopo i negoziati

La guerra in Ucraina non si ferma, missili su 3 città nella regione di Kiev dopo i negoziati

Ecco gli aggiornamenti sulla guerra in Ucraina.

23.24 L’ambasciatore di Kiev all’Onu, Sergiy Kyslytsya, ha detto al Consiglio di Sicurezza che la Russia sta commettendo crimini di guerra in Ucraina. «Sta attaccando ospedali, team di soccorso mobili e ambulanze - ha continuato - Questa non è l’azione di uno stato con legittimi problemi di sicurezza. È l’azione di uno stato determinato a uccidere civili».

22.58 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato l’ordine esecutivo che introduce un sistema temporaneo di esenzione dai visti per gli stranieri che desiderano entrare a far parte della Legione internazionale di difesa territoriale dell’Ucraina a partire dal 1 marzo 2022. L’ordinanza del 28 febbraio 2022 è stata pubblicata sul sito presidenziale. L’ordine sarà in vigore «durante il periodo della legge marziale».

22.43 Gli Usa hanno ordinato l’espulsione di 12 diplomatici della missione di Mosca alle Nazioni Unite. Lo ha detto l’ambasciatore russo all’Onu, Vassily Nebenzia. Parlando ai giornalisti, ha riferito che sono state dichiarate persone «non grate» e che devono lasciare gli Stati Uniti entro il 7 marzo. Nebenzia ha sottolineato che si tratta di una violazione degli accordi da parte del Paese ospitante un’organizzazione internazionale. L’ambasciatore americano Richard Mills ha poi precisato che ai 12 diplomatici russi all’Onu è stato chiesto di andarsene dal paese in modo da non danneggiare la sicurezza degli Usa.

22.37 La Cina accoglie con favore l’inizio del dialogo diretto tra Russia e Ucraina, dopo i colloqui al confine tra Ucraina e Bielorussia di oggi, e chiede la creazione di «clima e condizioni favorevoli per negoziati diretti tra le parti». Lo rende noto, in un messaggio su Twitter, la rappresentanza diplomatica cinese alle Nazioni Unite, aggiungendo che «continueremo a svolgere un ruolo costruttivo nella ricerca e nel raggiungimento della pace». La Cina, inoltre, dichiara il proprio sostegno a Unione europea, Nato e Russia per il dialogo, allo scopo di costruire un «meccanismo di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile per raggiungere la stabilità a lungo termine nel continente europeo».

21.45 «I cittadini e le entità dell’Ue coinvolti nella consegna di armi letali» all’Ucraina «saranno ritenuti responsabili per qualsiasi conseguenza di queste azioni». Lo afferma in una nota il ministero degli Esteri di Mosca, secondo cui coloro che hanno preso queste iniziative «non riescono a capire quanto siano pericolose le conseguenze». Lo riporta Interfax.

21.22 La Corte penale internazionale deve aprire un’indagine sulla «situazione in Ucraina» per indagare possibili crimini di guerra. Lo ha annunciato il procuratore Karim Khan spiegando che chiederà l’approvazione della Corte a procedere.

20.48 Le forze russe hanno lanciato attacchi missilistici su tre insediamenti urbani nella regione di Kiev, a sud della capitale ucraina. Lo riferiscono media locali, citando i servizi di emergenza statali, secondo cui i centri colpiti sono Vasylkiv, Bila Tserkva e Kalynivka. Nei raid, si aggiunge, «sono stati distrutti un dormitorio e due abitazioni». I soccorsi faticano a raggiungere le zone colpite a causa dei bombardamenti. Non si hanno al momento notizie di vittime o feriti.

20.46 «Le forze ucraine stanno resistendo in modo efficace attorno a Kiev». Lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, in un briefing con la stampa. Altre fonti dell’amministrazione Usa hanno elogiato il modo «creativo» con cui gli ucraini stanno opponendo resistenza alle truppe russe.

20.36 La richiesta dell’Ucraina di entrare nell’Ue è «legittima». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio al Tg1, ricordando che «l’Italia ha sempre sostenuto l’integrità e la sovranità ucraina». In Ucraina, ha sottolineato, «stanno morendo cittadini europei, donne, bambini e civili che soffrono sotto le bombe russe. Dobbiamo essere dalle loro parte» e condannare i «metodi inaccettabili di Putin».

20.16 È iniziata alle 17.32 ora italiana ed è terminata dopo le 19 la videochiamata tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e gli alleati e partner per discutere «della guerra non provocata della Russia contro l’Ucraina». Secondo una fonte della Casa Bianca alla call hanno partecipato il premier canadese Justin Trudeau, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, il presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il premier italiano Mario Draghi, il premier giapponese Fumio Kishida, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, il presidente polacco Andrzei Duda, il presidente rumeno Klaus Iohannis e il premier britannico Boris Johnson.

20.05  Un raid aereo ha colpito Brovary, vicino a Kiev, poco dopo la fine dei negoziati tra Russia e Ucraina. Lo riferisce il Kyiv Independent citando il sindaco della città a meno di 30 km dalla capitale, Ihor Sapozhko, secondo cui ci sono dei feriti.

19.38  I primi italiani hanno fatto ritorno a casa, dopo essere rimasti bloccati a Kiev nei giorni scorsi a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. Il regista veronese Matteo Spiazzi, la coreografa Katia Tubini e il suo compagno Cristiano Zanus Fortes hanno fatto rientro in Italia con un volo di linea partito  dal confine tra Romania e Moldavia. “Siamo appena atterrati, finalmente possiamo riabbracciare i nostri genitori», ha detto Spiazzi all’ANSA. «Siamo riusciti ad acquistare un volo dal confine della Romania per Verona - racconta -. Ne abbiamo approfittato e siamo tornati. Molti altri italiani stanno facendo lo stesso».

18.48 Una violenta serie di esplosioni è stata sentita in questi minuti a Kiev. Il cielo si è illuminato, riferisce il sito Kiev Independent. Le sirene per l’allarme anti-aereo sono subito scattate.

18.33 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha firmato la «storica» richiesta di «adesione all’Unione europea». Lo ha riferito il suo ufficio. La Germania ha frenato, sottolineando che «non è qualcosa che si possa fare in alcuni mesi».

18.12 Diverse grosse esplosioni sono state segnalate nell’est del centro di Kiev, intorno alle 6.40 locali. Lo riferisce la Cnn, segnalando che sono le più forti segnalate oggi. Subito dopo sono risuonate le sirene d’allarme.

17.38 Putin detta le sue condizioni per terminare l'attacco militare verso Kiev: Mosca - ha detto il presidente russo nel suo colloquio con Emmanuel Macron - vuole il riconoscimento della sovranità russa sulla Crimea e la smilitarizzazione e neutralità dell'Ucraina. Un messaggio che arriva mentre sono in corso le trattative tra i due Paesi in Bielorussia. Un confronto determinante per le sorti del Paese, non a caso il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che le prossime 24 ore saranno cruciali. Il presidente ucraino tiene sempre aperto il canale con i propri alleati occidentali e in mattinata chiede l'ammissione immediata all'Unione Europea, ma Bruxelles frena.

17.35 Le delegazioni russo e ucraina stanno tornando nelle rispettive capitali per consultazioni dopo la conclusione dei colloqui a Golem, in Bielorussia, indetti per cercare di mettere fine al conflitto. Lo ha riferito un negoziatore di Kiev.

17.33 Russia e Ucraina prevedono un secondo round dei colloqui. Lo riferiscono fonti di Kiev ai negoziati, che si sono tenuti oggi al confine bielorusso. Le delegazioni stanno ritornando nelle rispettive capitali per consultazioni.

17.00 La Russia potrebbe cercare di circondare Kiev nei prossimi giorni: le forze russe sono a 24 chilometri dalla capitale ucraina e l’avanzata «resta lenta». Lo afferma un funzionario del Pentagono citato dai media americani.

16.53 «L’Ucraina ci ha chiesto appoggio anche sul fronte dell’intelligence geo-spaziale» sui movimenti di truppe russe «e quindi stiamo mobilitando il nostro centro satellitare che si trova a Madrid per andare incontro a questa richiesta». Lo ha detto l’Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell in conferenza stampa.

16.23 Il presidente ucraino Vlodymyr Zelensky ha seguito Madonna su Twitter dopo che la popstar ha postato un videomontaggio su Instagram per esprimere il suo sostegno a Kiev assediata dalle forze russe. Nel video, un remix della sua canzone del 2006 «Sorry», immagini di bombardamenti in Ucraina e di civili ucraini coperti di sangue si alternano a clip del presidente Vladimir Putin e di Adolf Hitler con i volti dei due che a momenti si sovrappongono.
«Putin ha violato ogni accordo sui diritti umani esistente. Non ha diritto di cancellare l’esistenza dell’Ucraina», ha scritto la cantante.

16.18 Le truppe russe continuano i massicci bombardamenti delle aree residenziali di Kharkiv: lo ha denunciato il consigliere del ministro dell’Interno ucraino Vadym Denisenko. «Purtroppo, l’esercito russo sta bombardando in maniera massiccia le aree residenziali della città di Kharkiv. Ora, in questi momenti, c’è un folle bombardamento di Kharkiv da parte di razzi. Ci sono già feriti, ci sono morti 11 moti. Si tratta di vittime esclusivamente civili e questo è un bombardamento di una città pacifica», ha aggiunto in una dichiarazione video.

16.17 «Siamo in guerra e non posso dare nessuna informazione che potrà servire alla parte avversaria. Non posso raccontare come arriveranno gli aiuti che forniremo all’Ucraina. La Russia sarebbe molto contenta di saperlo. I russi hanno detto che il nostro aiuto è atto ostile e che attaccheranno chiunque sia coinvolto» nelle spedizioni. Lo ha dichiarato l’Alto rappresentante dell’Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al termine della riunione in videoconferenza dei ministri della Difesa Ue.

16.01 Ripresi dopo una pausa i negoziati tra Russia e Ucraina.

15.41 Dopo l’ultimo bombardamento di Kharkiv il governatore regionale di Kharkiv Oleg Sinegoubov ha specificato che «a causa di questi bombardamenti, che sono ancora in corso, non possiamo chiamare i servizi di soccorso e attualmente ci sono 11 morti e decine di feriti». «Il nemico russo sta bombardando le zone residenziali», ha aggiunto il governatore, spiegando di temere «decine di morti».

15.20  I colloqui negoziali a Gomel tra Ucraina e Russia si sono conclusi. Lo ha riferito il consigliere del ministero dell’Interno di Kiev, citato da Interfax. Lo ha detto il consigliere del ministero dell’Interno di Kiev.

13.09 Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha spiegato oggi la decisione del presidente Vladimir Putin di mettere in stato d’allerta il deterrente nucleare russo come una riposta alle minacce attribuite al ministro degli Esteri britannica, Liz Truss, che ieri aveva tra l’altro assicurato sostegno alla partecipazione di «volontari» britannici alla guerra in Ucraina. «Vi sono state dichiarazioni inaccettabili fatte da diversi esponenti occidentali su possibili scontri fra Nato e Russia», ha detto sarcastico Peskov. «Dichiarazioni i cui autori non intendo svelare, sebbene si tratti del ministro degli Esteri britannico».

12.39 La Difesa di Mosca annuncia che le truppe russe hanno «assunto il controllo delle cittadine di Berdyansk e Enerhodar - nel sudest ucraino - e dell’area attorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhya». L’impianto «continua le sue attività», recita un comunicato citato da Interfax. I livelli di radiazioni «sono normali».

12.32 «Sedici bambini sono morti durante i primi quattro giorni dell’assalto di Mosca e altri 45 sono rimasti feriti». Lo ha detto il presidente ucraino Zelensky.

12.15 La Banca centrale della Russia ha annunciato che oggi la Borsa di Mosca resterà chiusa. Lo riporta l'agenzia Bloomberg. In mattinata la banca centrale ha ritardato di tre ore le contrattazioni del rublo e si era riservata di decidere sull'apertura dei mercati.
12.11 Più di 500.000 sono i rifugiati fuggiti dall’Ucraina nei paesi vicini. Lo comunica via twitter l'Unhcr, l’Agenzia Onu per i rifugiati.

12.10 «L'Ucraina sta chiedendo» di accelerare «il processo di adesione da qualche tempo e finora nel dibattito generale» tra i Paesi Ue ci sono state «opinioni diverse». Lo ha detto il presidente del Consiglio Ue Charles Michel parlando con un gruppo di media europei tra cui l’Ansa.

11.39 «Non possiamo assolutamente permettere ulteriori rischi di destabilizzazioni in altre aree della regione orientale», come anche «nei Balcani occidentali». Lo ha detto il presidente del Consiglio Ue Charles Michel in un’intervista ad un gruppo di media europei tra i quali l’Ansa, rispondendo a chi gli chiedeva del timore di un allargamento della crisi a Paesi come Moldavia e Georgia. «Ho invitato il presidente della Georgia a Bruxelles, è importante mostrare il nostro supporto e aumentare la nostra cooperazione energetica», nell’ambito della Eastern Partnerhip, ha spiegato Michel.

11.24 «Mosca risponderà al divieto dei voli delle compagnie aeree russe in modo simmetrico, ma tenendo conto dei propri interessi». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo quanto riporta la Tass. «Naturalmente, ci sarà una risposta, che sarà guidata dal principio di reciprocità, e i nostri interessi saranno sicuramente in prima linea», ha aggiunto.

11.19 L’Ue sta adottando «una posizione non amichevole e misure ostili contro la Russia». Lo denuncia il Cremlino, secondo quanto riferisce Interfax.

11.15 Il Cremlino non vuole svelare «la sua posizione» mentre sono in corso i negoziati con l'Ucraina.

11.11 «Il governo ucraino sta preparando la richiesta ufficiale per aderire all’Ue. Ciò vuol dire che la Commissione dovrà prendere una posizione ufficiale» a seguito del ricevimento della richiesta e «significa che anche il Consiglio Ue dovrà prendere posizione. Io penso che il dibattito ci sarà molto presto». Lo ha detto il presidente del Consiglio Ue Charles Michel in un’intervista ad alcuni media europei, tra i quali l’ansa. Poche ore fa il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha fatto sapere di volere chiedere l’adesione immediata all’Ue.

10.20 Almeno 102 civili, tra cui sette bambini, sono rimasti uccisi da giovedì, giorno dell’inizio dell’invasione russa, mentre i feriti sono 304. Lo riferiscono le Nazioni Unite precisando che il bilancio reale delle vittime potrebbe essere molto più alto. «La maggior parte di questi civili è stata uccisa da armi esplosive ad ampio raggio, tra cui il fuoco di artiglieria pesante, lanciarazzi e raid aerei. I numeri effettivi sono, temo, considerevolmente più alti», ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, all’apertura del Consiglio dei diritti umani.

10.16 Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, saranno questa sera a cena dal presidente francese Emmanuel Macron per parlare di Ucraina e «sovranità europea»: lo rende noto l’Eliseo.

10.14 «Appena arrivato ad Algeri per incontrare il mio omologo e le più alte cariche algerine. Discuteremo del rafforzamento della cooperazione bilaterale, in particolare per far fonte alle esigenze di sicurezza energetica europea, alla luce del conflitto in Ucraina». Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

10.08 Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky esorta i soldati russi a deporre le armi.

9.53 «La delegazione ucraina è arrivata nell’area del confine ucraino-bielorusso per partecipare ai negoziati». Lo rende noto un comunicato della presidenza ucraina.

9.48 L’Ucraina chiede il «cessate il fuoco immediato» e il ritiro delle truppe russe. Lo afferma la presidenza.

9.46 Circa 800 persone sono state arrestate ieri in Bielorussia durante il voto per il referendum costituzionale. Lo ha reso noto oggi il governo, secondo quanto riporta il Guardian. Il voto ha scatenato le più grandi proteste degli ultimi mesi nel Paese, con migliaia di persone scese in piazza. La popolazione, come è noto, ha votato - tra l’altro - a favore dell’abbandono dello status «non nucleare» del Paese in una consultazione che alza la posta in gioco nella crisi ucraina.

9.44 «Stamattina abbiamo ulteriormente isolato la Russia dal sistema finanziario internazionale. Lavorando con i nostri partner e il G7, siamo determinati a imporre le misure economiche più severe possibili contro il presidente Putin per la sua aberrante campagna contro l’Ucraina. Putin deve fallire». Lo ha twittato il premier britannico, Boris Johnson.

9.36 La Borsa di Mosca resta chiusa in attesa delle decisioni della Banca centrale russa. Anche l’avvio delle contrattazioni del rublo hanno avuto un ritardo di tre, con la Banca centrale che sta «valutando se aprire gli altri mercati più tardi. Se la decisione di aprire sarà presa, sarà alle 15 di Mosca».

9.16 «La delegazione russa è pronta a negoziare con l’Ucraina tutto il tempo necessario per raggiungere un accordo». Lo afferma il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, citato da Interfax, in attesa dell’inizio dei colloqui tra Mosca e Kiev a Gomel.

9.03 Il colosso norvegese dell’energia Equinor cesserà i propri investimenti in Russia e scioglierà le joint-venture nel Paese come «reazione all’invasione dell’Ucraina da parte dell’Armata Rossa». È quanto si legge in una nota diffusa dal Gruppo controllato al 67% dallo Stato norvegese. A fine 2021 il Gruppo deteneva attivi per 2,1 miliardi di dollari in Russia ed è partner di Rosneft dal 2012.

8.32 L’esercito russo accusa le autorità ucraine di utilizzare la popolazione civile di Kiev come «scudo umano».

8.28 La Russia rivendica la «supremazia aerea» in tutta l’Ucraina. È quanto riferisce l'esercito.

8.27 La delegazione ucraina è attesa a Gomel, in Bielorussia, per l’avvio dei colloqui con Mosca tra un’ora e mezza o due ore. Lo annuncia il capo negoziatore russo citato dall’agenzia Tass.

8.21 La popolazione di Kiev «può lasciare liberamente la città»: lo ha annunciato l’esercito russo.

8.17 Le nuove sanzioni alla Russia per la guerra in Ucraina ed i timori di una crisi energetica pesano sulle quotazioni del gas in Europa. Ad Amsterdam il prezzo sale del 35,72% a 126 euro al Mwh. A Londra si registra un aumento del 25,32% a 281,48 penny al Mmbtu.

8.10 Il rublo in forte calo all’avvio del mercato ufficiale di Mosca dopo che la Banca centrale ha ritardato di tre ore le contrattazioni. La valuta scambia in forte flessione. Attualmente per un dollaro sono necessari 90 rubli (-8%).

7.54 La Banca centrale della Russia alza il tasso di riferimento al 20%. Lo riporta l’agenzia Bloomberg. La Banca centrale russa ha motivato la decisione con il drastico «cambiamento delle condizioni esterne. L’aumento dei tassi si è reso necessario per rendere più attraenti i depositi». Il governatore della banca russa parlerà alle ore 16 di Mosca.

7.46 La Russia ha «rallentato il ritmo dell’offensiva». Lo afferma l’esercito ucraino.

7.10 La Borsa di Mosca inizierà le contrattazioni del mercato monetario con tre di ritardo. Lo ha deciso, secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, la Banca Centrale Russa che sta valutando se aprire gli altri mercati più tardi. Se la decisione di aprire sarà presa, sarà alle 15 di Mosca. Gli spread sul rublo sono aumentati di otto volte, con i market maker da Sydney a Hong Kong che si tirano indietro. La valuta è stata indicata in calo del 28% nel trading offshore mentre le sanzioni imposte alla Russia e alla sua banca centrale aumentano la la preoccupazione per gli effetti a catena.

7.07 La Banca centrale della Russia ha dato indicazione ai broker di non soddisfare temporaneamente gli ordini di vendita di titoli da parte di stranieri a partire da oggi. Lo riporta l’agenzia Bloomberg.

4.52 Il rublo crolla con le nuove sanzioni sulla Russia, tra cui l’esclusione selettiva delle banche dal circuito dei pagamenti Swift, per l’invasione in Ucraina, cedendo quasi il 30% sul dollaro: sui mercati asiatici la valuta è indicata in calo del 28% at 117.8170 sul biglietto verde nel trading offshore.

4.45 Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sentirà telefonicamente gli alleati oggi, per coordinare una risposta nella crisi ucraina. Lo fa sapere la Casa Bianca.

4.25 Nuove esplosioni si sono udite a Kiev e a Kharkiv poco dopo le 3 del mattino, dopo alcune ore di calma apparente. Lo afferma sul suo canale Telegram il servizio statale per le comunicazioni, secondo quanto riferito dalla Ukrainska Pravda. Secondo le stesse fonti un missile russo ha colpito un edificio residenziale nel centro di Chernihiv. L’edificio è in fiamme ma ancora non si sa se e quante persone siano rimaste coinvolte.

2.57 «Le prossime 24 ore saranno cruciali per l’Ucraina»: lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una conversazione telefonica con il premier birtannico Boris Johnson. Lo ha fatto sapere lo stesso Zelensky su Twitter, aggiungendo di avere avuto anche una conversazione telefonica con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. «Abbiamo parlato con il primo ministro Boris Johnson e il presidente polacco Andrzej Duda dell’attuale situazione della sicurezza. Concordato ulteriori passi congiunti per contrastare l'aggressore. Coalizione contro la guerra in azione!», ha scritto nel post.

2.34 L’oligarca ucraino di origini russe Viktor Medvedchuk, vicino a Putin e considerato tra i possibili candidati alla guida di un governo fantoccio se la Russia dovesse conquistare Kiev, è sfuggito agli arresti domiciliari che stava scontando con l’accusa di alto tradimento per avere sostenuto le forze separatiste nel Donbass. Lo riporta il Kyiv independent. Medvedchuk, leader del partito «Piattaforma di opposizione» e imprenditore attivo in molti campi tra cui energia e media, è molto vicino al presidente russo e ne rappresenta ufficiosamente gli interessi in Ucraina. Il suo legale ha detto che «si trova in un posto sicuro a Kiev».

Dai Balcani nel '91 fino all'Ucraina di oggi: trent'anni di conflitti in Europa dopo la caduta dell'Urss

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X