Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica L'Italia invierà in Ucraina mitragliatrici e missili antiaereo e anticarro
SÌ DEL GOVERNO

L'Italia invierà in Ucraina mitragliatrici e missili antiaereo e anticarro

di

Sì del governo all’invio di armi dall’Italia all’Ucraina. Il Consiglio dei ministri ha dato nel pomeriggio il via libera all’unanimità a un decreto che prevede, tra l’altro, di cedere mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari alle autorità di Kiev. Prima però servirà anche l’ok del Parlamento. Il provvedimento approvato oggi, spiega Palazzo Chigi, contiene infatti una «norma abilitante che, dopo una preventiva risoluzione delle Camere, consente al ministro della Difesa di adottare un decreto interministeriale per la cessione» del materiale. E’ nel decreto - o nei decreti - del ministero, di concerto con la Farnesina e con il Mef, che sarà definito l’elenco degli equipaggiamenti. Per tutto questo è prevista una «deroga specifica ad alcune disposizioni vigenti». L’invio potrà avvenire fino al 31 dicembre.
«L’Italia nell’ambito delle decisioni assunte dall’Ue e dopo i previsti passaggi istituzionali - ha commentato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini - invierà sistemi d’arma ed altri equipaggiamenti militari. Una risposta importante che dà il segno della concreta solidarietà» a fronte di una «ingiustificata aggressione russa, che è anche una grave minaccia alla sicurezza internazionale».

Mitragliatrici, sistemi anticarro e antiareo

A quanto trapela, le armi che l’Italia dovrebbe mandare in Ucraina sarebbero sistemi anticarro e antiaereo, mitragliatrici leggere e pesanti e mortai. Si tratta di strumenti, secondo gli esperti militari, particolarmente utili proprio in un contesto di conflitto urbano e di resistenza, dove è necessario avere a disposizione armi di facile trasporto e utilizzo. E’ il caso per esempio dei missili anticarro o degli Stinger antiaerei a infrarossi: sono maneggevoli, entrano nel bagagliaio di un’auto e soprattutto non sono molto difficili da usare. Anche un civile, con un addestramento ragionevole, può imparare a utilizzarli con efficacia. Il numero degli anticarro e degli ’Stinger’ dovrebbe essere nell’ordine delle centinaia. Migliaia dovrebbero essere invece le mitragliatrici pesanti Browning o le più leggere Mg pronte a finire nelle mani di militari e patrioti ucraini.

Già approvato un decreto che stanzia 174 milioni

Aiuti, quelli decisi oggi, che vanno ad aggiungersi a quelli già deliberati venerdì scorso, quando Palazzo Chigi aveva approvato un altro decreto che stanziava 174 milioni di euro tra il 2022 e il 2023 per il potenziamento della presenza militare a Est, e che prevedono il rafforzamento delle tre missioni già in atto, quella in Romania, la ‘Baltic Guardian’ in Lettonia e quella nel Mediterraneo Orientale. Quel provvedimento mobilitava 1.350 militari subito fino al 30 settembre, e altri 2.000 per eventuali esigenze di rinforzi o per dare il cambio ai primi soldati. Riguardo alla Romania, sono decollati ieri dalla base di Gioia del Colle (Bari) quattro Eurofighter che vanno a raddoppiare il numero di quelli già presenti nell’area. In Lituania invece saranno protagonisti gli alpini, mobilitati assieme agli altri corpi italiani di alta prontezza e specializzazione, come parà, incursori e lagunari. Non solo: grazie a uno stanziamento di 12 milioni saranno inviati a Kiev anche «equipaggiamenti per la protezione individuale e della popolazione civile». Si tratta di elmetti e giubbotti antiproiettile ma anche dispositivi per individuare mine e altri ordigni esplosivi. Altri 3 milioni inoltre sono già stati stanziati per le iniziative di protezione civile: verranno inviate 200 tende da campo per un totale di mille posti letto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X