Mercoledì, 18 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Video Politica Elezione del capo dello Stato, sesto voto in bianco e trattative ad oltranza: prende quota Mattarella

Elezione del capo dello Stato, sesto voto in bianco e trattative ad oltranza: prende quota Mattarella

Non passa la Casellati. Alla presidente del Senato solo 382 voti nel quinto scrutinio per il Quirinale, con una sessantina di franchi tiratori nel centrodestra e sospetti di Fdi su Forza Italia e centristi. In corso la sesta votazione, andrà a vuoto tra astensioni del centrodestra e schede bianche del centrosinistra. Ma per la settima, domani alle 9.30, si riapre la trattativa. Salvini va da Draghi. Poi vede Letta e Conte. In aula alla Camera capannelli di grandi elettori intorno a Casini. In caso di nuova fumata nera, l’ottava votazione del Parlamento in seduta comune è fissata per domani alle 16.

Prende quota Mattarella

Una iniziativa trasversale ai gruppi di Pd, M5s e Leu per far salire i consensi a Sergio Mattarella, così da fare superare il numero di 166 raggiunto ieri, è in corso mentre è iniziato il sesto scrutinio.
Secondo quanto riferiscono alcuni grandi elettori Dem le capigruppo sono state avvisate, tanto è vero che in questo scrutinio i due delegati d’Aula, Emanuele Fiano e Beatrice Lorenzin non stanno controllando che i parlamentari passino rapidamente nelle cabine elettorali, così da dimostrare di rispettare il mandato di votare scheda bianca.

Casellati bruciata, caos nel centrodestra

La quinta votazione di Montecitorio ha «bruciato» anche la seconda carica dello Stato, cioè la presidente del Senato Elisabetta Casellati. Con il suo nome, proposto a sorpresa ieri notte, Matteo Salvini ha cercato lo strappo basandosi sui voti del solo centrodestra, ma il tentativo è fallito. Casellati si è fermata a 382 preferenze facendo materializzare almeno una settantina di franchi tiratori interni. Ed è esploso così il malessere della coalizione, che ha costretto Salvini a desistere nella seconda votazione. Non ci saranno quindi altri tentativi per la seconda carica dello Stato che esce ferita dallo scrutinio. Una giornata difficile che ha anche registrato l’accusa di aver marchiato le schede per renderle riconoscibili al fine di individuare chi ha «tradito». Tanto che Giorgia Meloni furiosa lo ha fatto ben capire: “Fratelli d’Italia, anche alla quinta votazione, si conferma come partito granitico e leale. Anche la Lega tiene. Non così per altri. C’è chi in questa elezione, dall’inizio - accusa la leader di Fratelli d’Italia - ha apertamente lavorato per impedire la storica elezione di un presidente di centrodestra. Occorre prenderne atto, e ne parlerò con Matteo Salvini, per sapere cosa ne pensa». Parole durissime che certificano la lacerazione interna al centrodestra dopo il flop di Elisabetta Casellati. Infatti nella seconda chiamata odierna il centrodestra cambia e si astiene mentre il centrosinistra vota scheda bianca. E così finisce con un nulla di fatto anche la sesta votazione. Piovono dal centrosinistra le accuse di irresponsabilità per aver mandato al massacro la seconda carica dello Stato e ora si ricomincia con riunioni, contatti e telefonate. Ma se già era chiaro ieri oggi nessuno ha più dubbi: le prove di forza non funzionano con un Parlamento spaccato come una mela. Ecco quindi che risale il nome di Mario Draghi, resiste quello di Pier Ferdinando Casini e si irrobustisce molto il partito del Mattarella bis. Non si può non notare come i veti all’interno del centrodestra blocchino ancora il meccanismo. A spiegarlo benissimo è Vittorio Sgarbi: «c’è un veto su Draghi di Forza Italia, un veto su Casini di Fratelli d’Italia e un veto su Mattarella di Salvini», chiarisce il critico d’arte. Lo schema sembra ormai essere delineato ed è improbabile che il leader della Lega possa lanciare un ennesimo nome di area dopo aver acclarato che anche dentro il centrodestra i franchi tiratori non mancano. Probabilmente adesso dovrà decidere se sia più digeribile per il suo schieramento Mario Draghi o Pier Ferdinando Casini. L’opzione Mattarella bis, forse la più limpida, rimane complessa. Ci sarebbe da convincerlo e servirebbe una processione al Quirinale.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X