Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Nuoto: Esordienti in piscina a Paternò con green pass, arriva la decisione della Fin Sicilia
CORONAVIRUS

Nuoto: Esordienti in piscina a Paternò con green pass, arriva la decisione della Fin Sicilia

Tamponi per gli "Esordienti" che sabato e domenica prossimi saranno impegnati a Paternò nel trofeo "Santa Barbara" di nuoto. Tutti gli atleti dovranno essere muniti di green pass e così gli under 12, che non sono in età da vaccinazione, dovranno effettuare il test antigenico nelle 48 ore prima delle gare di domenica.

Nell'aggiornamento delle linee guida, infatti, la Fin Sicilia, ha specificato che "Considerata l’attuale situazione epidemiologica e in via prudenziale, si precisa che l’accesso all’impianto sarà consentito esclusivamente previa esibizione del Green Pass anche per i minori di 12 anni. Nel caso in cui ad un minore di 12 anni non arrivi il Green Pass digitale, può presentare all’ingresso copia del tampone eseguito non prima di venerdì 3 dicembre pomeriggio (dalle 16.00 in poi). Vista la presenza del Green Pass anche per i minori di 12 anni, non viene più richiesta l’autodichiarazione firmata dal genitore. Rimangono invariate altre norme indicate nella precedente comunicazione. Per quanto non contemplato, valgono le norme Federali e anti Covid-19".

Il tampone, dunque, andrà effettuato non prima di venerdì pomeriggio, dalle 16 in poi, visto che le gare saranno sia il sabato che la domenica. Nei giorni scorsi molti genitori da varie province avevano manifestato tutta la preoccupazione sull'evento considerando da un lato, l'andamento epidemiologico e dall'altro, il numero notevole di under 12 presenti in quei due giorni in piscina, giovanissimi che ancora non hanno l'età per ricevere il vaccino e non sono in possesso di green pass come invece viene richiesto a chi ha un'età superiore.

Il presidente della Fin Sicilia, Sergio Parisi, aveva dichiarato che "il regolamento nazionale non prevede il tampone per partecipare alle gare esordienti" ma capiva "la preoccupazione dei genitori che è legittima". Aveva assicurato anche che avrebbero valutato in Federazione cosa fare e così dopo alcune riunioni è stato deciso di far effettuare i tamponi agli atleti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X