Venerdì, 10 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Governo istituzionale, Mattarella: inconcepibili elezioni subito
LE DIMISSIONI DI RENZI

Governo istituzionale, Mattarella: inconcepibili elezioni subito

ROMA. Nel giorno in cui salirà al Colle per dare le dimissioni da premier, Matteo Renzi riprenderà le redini della guida del Pd. Ma rispetto alle intenzioni bellicose dei suoi di spingere per elezioni in tempi brevi - al massimo entro marzo - il leader del Pd è dovuto arrivare a più miti consigli tra la dura presa di posizione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, non intenzionato allo show down elettorale, ed il lavorio degli ex Dc guidati da Dario Franceschini per soluzioni meno laceranti.

Ma soprattutto dopo che la Consulta ha fissato l'udienza sull'Italicum il 24 gennaio facendo capire che non saranno così brevi i tempi per una nuova legge elettorale. Il governo di responsabilità nazionale, che domani il leader dem proporrà in direzione mettendo d'accordo le varie correnti, non è il piano A di Renzi, per natura allergico a formule che ricordano la prima Repubblica.

Ma ancora oggi il Capo dello Stato ha fatto sapere che senza una legge elettorale omogenea tra Camera e Senato non si può trascinare il paese alle urne. E che il Pd, prima forza parlamentare, non può sfilarsi per senso di responsabilità verso il paese dal tentativo di un nuovo governo che Mattarella proverà a fare quando da giovedì aprirà le consultazioni.

Un profilo di governo, quello istituzionale con l'appoggio di più partiti, che fa salire le quotazioni di Pietro Grasso come premier e scendere quelle di uomini come Pier Carlo Padoan, Graziano Delrio e Paolo Gentiloni, tutti, chi più chi meno, riconducibili al Pd. Un ruolo in questa mediazione nei confronti di Renzi l'hanno svolto gli ex Dc di Dario Franceschini, legati da storia e amicizia al Capo dello Stato, ma è vero che le urne nei tempi più brevi possibili avrebbero dato la stura ad uno scontro totale dentro il Pd.

Non solo la minoranza di Pier Luigi Bersani era pronto alle barricate, convinta che, come dice l'ex segretario, "non si va al voto sulle macerie", ma anche i giovani turchi, guidati da Matteo Orfini e Andrea Orlando, avevano dubbi sull'idea di seguire Renzi in questo nuovo "azzardo" dopo la sconfitta al referendum. La frenata finale è arrivata dalla Consulta.

Alla luce delle dimissioni del governo, i renziani erano convinti che la Corte Costituzionale avrebbe potuto anticipare l'udienza rispetto a fine gennaio. I giudici, invece, hanno confermato che se ne riparlerà il 24 gennaio, una data che, considerati i tempi a disposizione della Corte per decidere, potrebbe far slittare la possibilità di una legge pret à porter per andare a votare in tempi brevi.

Il bivio, che il segretario dem prospetterà, mette però in chiaro una cosa: il Pd non ha intenzione di sobbarcarsi da solo il peso di un governo. "Non possiamo farci rosolare: - è la tesi dei renziani - noi a governare per di più senza Renzi come premier e Grillo, Salvini e Toti che ogni giorno ci bersagliano accusandoci di stare attaccati alla sedia mentre il paese vuole andare alle elezioni. E se dovesse concretizzarsi un'ampia maggioranza torneremo in direzione a chidere l'ok di tutto il partito ad allearci con Verdini e Brlusconi".

Il precedente al quale il leader dem guarda come fumo negli occhi è il governo Monti dove il Pd rimase con il cerino in mano dopo che il Pdl si sfilò. "Con il risultato che poi Bersani andò alle elezioni e pagò il prezzo delle misure draconiane del governo tecnico", ricordano i fedelissimi del premier. Se quindi non ci sarà un'assunzione di responsabilità da parte di tutti, la via maestra per Renzi sono le elezioni.

MATTARELLA. Sono inconcepibili elezioni anticipate senza una nuova legge elettorale. E' il duro messaggio che il capo dello Stato fa pervenire in serata al presidente del Consiglio attraverso vie informali. Niente comunicati o dichiarazioni ma una ricostruzione affidata ad un quotidiano On line per togliere al concetto tutti i crismi della ufficialità. Una uscita che cambia completamente il volto della giornata politica, e mette momentaneamente la sordina al continuo balletto di indiscrezioni sulle mosse di Matteo Renzi in vista della delicata direzione Pd di domani. Già nel primo pomeriggio (quando si erà già accesa la polemica sulla convocazione della Consulta per l'Italicum solo per il 24 gennaio) sono cominciate a circolare voci di una possibile frenata del premier sul voto anticipato. Solo dimissioni, previste sempre domani subito dopo il via libera alla legge di Stabilità da parte del Senato con il voto di fiducia, ma niente riferimenti a date o scadenze elettorali.

La notizia arriva però in tarda serata ed ha come protagonista l'inquilino del Colle, concentratissimo sulla crisi al buio che si sta aprendo, tanto da annullare tutti gli impegni fuori Roma. "E' inconcepibile indire elezioni prima che le leggi elettorali di Camera e Senato vengano rese tra loro omogenee", spiega Mattarella rimarcando come "il risultato del referendum abbia confermato un Parlamento con due camere, regolate da due leggi elettorali profondamente differenti, l'una del tutto proporzionale, l'altra fortemente maggioritaria con forti rischi di effetti incompatibili rispetto all'esigenza di governabilità".

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X