Domenica, 28 Febbraio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Libia, il ministro Pinotti: pronti a inviare l'esercito
DIFESA

Libia, il ministro Pinotti: pronti a inviare l'esercito

«Mezzi, composizione e regole d'ingaggio li decideremo con gli alleati in base allo spirito e al mandato della missione Onu», spiega

ROMA. «L'Italia è pronta a guidare in Libia una coalizione di paesi dell'area, europei e dell'Africa del Nord, per fermare l'avanzata del Califfato che è arrivato a 350 chilometri dalle nostre coste. Se in Afghanistan abbiamo mandato fino a 5mila uomini, in un paese come la Libia che ci riguarda molto più da vicino e in cui il rischio di deterioramento è molto più preoccupante per l'Italia, la nostra missione può essere significativa e impegnativa, anche numericamente». Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, intervistata dal Messaggero, dice: «Ne discutiamo da mesi, ma ora l'intervento è diventato urgente».

«Mezzi, composizione e regole d'ingaggio li decideremo con gli alleati in base allo spirito e al mandato della missione Onu», spiega. «In Libia, eliminato il tappo Gheddafi, le tensioni sottostanti sono esplose», aggiunge, e ora «bisogna fare come nei Balcani, dove per scongiurare la bonifica etnica abbiamo invitato decine di migliaia di uomini e abbiamo contingenti dopo vent'anni per stabilizzare territorio». Quanto al potenziale del Califfato, qualche mese erano stati stimati 25mila combattenti, ora secondo il ministro «potrebbero essere 30mila o anche più», e sugli armamenti ricorda «i momenti d'ombra» sulla sorte della armi di Gheddafi.
Quindi il ministro precisa che «ogni decisione e passaggio verrà fatto in Parlamento. Giovedì il ministro Gentiloni fornirà informazioni e valutazioni».

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X