Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Green Pass, Lamorgese: "I ristoratori non possono chiedere documenti ma i controlli spettano a loro"
IL MINISTRO

Green Pass, Lamorgese: "I ristoratori non possono chiedere documenti ma i controlli spettano a loro"

coronavirus, green pass, vaccino, Luciana Lamorgese, Sicilia, Politica
Il ministro Luciana Lamorgese

«Il rispetto delle regole è importante». Lo ha detto a Torino il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese rispondendo ai giornalisti sulla proteste dei No Green pass. Il ministro non ha escluso «controlli a campione nei locali insieme alla polizia amministrativa».

Ha però ribadito che saranno i titolari a dover provvedere, anche se «non potranno chiedere la carta d'identità ai clienti. Non si può pensare - ha spiegato - che l'attività di controllo venga svolta dalle forze di polizia. Significherebbe distoglierle dal loro compito prioritario che è garantire la sicurezza. Al riguardo è in via di preparazione una circolare».

Intanto, i dati confermano le peggiori aspettative: nel primo weekend del green pass i parchi divertimento italiani perdono in media il 50% degli ingressi rispetto al fine settimana precedente. L'allarme arriva dall'Associazione Parchi permanenti italiani, aderente a Confindustria, il calo dipende dal fatto che i parchi si rivolgono prevalentemente ai teenager, fascia della popolazione tra le meno vaccinate.

»Non siamo pregiudizialmente contrari al green pass, personalmente punto a rendere Leolandia "Covid-Free" in autunno. I tempi però - dice Giuseppe Ira, presidente dell'Associazione Parchi Permanenti Italiani e di Leolandia - non sono ancora maturi: non ci sono abbastanza vaccinati tra i giovani e, soprattutto, sufficienti dosi di vaccino per rispondere alla domanda. Chiediamo al Governo, che ha voluto a tutti i costi inseguire il modello francese, di farlo fino in fondo: in Francia l'età minima per presentare il green pass è stata alzata a 18 anni e, soprattutto, in autunno sono già previsti ristori pari all'80% delle perdite subite per le aziende più danneggiate dal provvedimento. Qui in Italia, invece, l'unica certezza sono le perdite: molti parchi sono sull'orlo del fallimento nella pressoché totale indifferenza delle istituzioni. Se il trend sarà confermato, le imprese saranno costrette a sospendere la stagione, licenziando migliaia di lavoratori».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X