Sabato, 06 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Il coronavirus ferma pure gli aerei, voli ridotti dalle compagnie: disagi in Sicilia  
TRASPORTI

Il coronavirus ferma pure gli aerei, voli ridotti dalle compagnie: disagi in Sicilia  

aerei, coronavirus, Sicilia, Economia

Il coronavirus ferma i voli. Tanti quelli cancellati, le conseguenze dell’epidemia si avvertono anche nei cieli. American Airlines e Delta hanno sospeso i collegamenti tra New York e Milano, ma ci sono ripercussioni anche nel nostro Paese. Come si legge in un articolo di Antonio Giordano sul Giornale di Sicilia, ieri sono stati cancellati diversi voli in Italia e anche da e per gli scali della Sicilia.

I VOLI CANCELLATI IERI. Tra questi il volo Alitalia che sarebbe dovuto partire da Fiumicino per Palermo alle 9.35 e il successivo volo dal capoluogo siciliano per la Capitale delle 10.40. Stessa sorte per il volo Alitalia che sarebbe dovuto partire da Linate alle 13.30 e partenza per lo scalo milanese alle 15. A Trapani è stato cancellato il volo giornaliero Trapani-Milano Linate di Alitalia (Az 1773) e il Milano Trapani (Az 1770) per un totale di sette voli a settimana, e sarà così fino all'8 marzo.

Nessuna cancellazione a Comiso, mentre a Catania sono stati sette i voli cancellati ieri, sei di linea e uno charter proveniente da Malpensa. Ad essere annullati sono stati i collegamenti con Bologna, tre con Milano Linate e due per Fiumicino. A Catania, inoltre, è stato già cancellato il volo di Turkish.

Tagli in vista anche per Ryanair, anche se le compagnie comunicano giorno per giorno l'operativo dei voli. Ma sia da Palermo che da Catania si parla di un calo del traffico che varia dal 20% al 40%, mentre complessivamente la compagnia ha ridotto il piano di voli a corto raggio, principalmente da e verso l'Italia, fino al 25% per 3 settimane. La decisione - spiega Ryanair in una nota - è stata presa dopo il calo significativo delle prenotazioni tra marzo e inizio aprile, dovuto al Coronavirus. La compagnia ha precisato di non vedere per ora un impatto concreto delle cancellazioni sulla guidance sui profitti di quest'anno e che "è troppo presto" per ipotizzare quali effetti il coronavirus avrà sugli utili dell'esercizio 2021.

L’ALLARME. La crisi COVID-19 ha avuto un grave impatto sul traffico aereo. Le compagnie aeree stanno registrando un forte calo della domanda". Lo afferma l'International Air Transport Association (Iata) chiedendo di sospendere la normativa che regola la gestione degli slot. "La Iata - si legge nel report - sta contattando i regolatori del trasporto aereo in tutto il mondo per richiedere che le regole sull'utilizzo degli slot siano immediatamente sospese e per la stagione 2020"

I CONTROLLI. Intanto la Regione chiede una nuova direttiva sui controlli negli aeroporti. "Solo ieri la Regione ha appreso che su disposizione del governo centrale l'Usmaf controlla negli aeroporti solo i passeggeri in arrivo da Roma, nonostante a noi risulti che i volontari della Croce Rossa abbiano fatto controlli a campione a chi proveniva dalle zone gialle. Noi non condividiamo la scelta del governo centrale al quale abbiamo chiesto una direttiva specifica per fare i controlli sui passeggeri dei voli provenienti dalle zone gialle: Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna". Lo ha detto ieri in conferenza stampa l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza che ha fornito i dati aggiornati sui casi di coronavirus in Sicilia, ribadendo che "nell'isola non esiste un focolaio autoctono". "C'è un'attenzione molto seria e non ci sono ragioni di preoccupazione - rassicura l'assessore - Ringrazio tutto il personale sanitario che sta lavorando in modo encomiabile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X