Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
LA MISURA

Pensioni, spunta quota 102 al posto di quota 100: cosa prevede

pensioni, Sicilia, Economia
Al via la rivalutazione delle pensioni

Il tema pensioni non dorme mai e non è mai serena. Così, dopo che il 2019 passato a "quota 100", spunta adesso l’ipotesi sull'introduzione di Quota 102 per l’accesso alla pensione con almeno 64 anni di età e 38 di contributi, per evitare lo scalone che si avrà alla fine del 2021. Quota 100 è nata infatti come una misura sperimentale, a tempo. La possibilità di anticipare il pensionamento vale soltanto fino al 31 dicembre del 2021. Lo "scalone", come lo chiamano i tecnici, è quando una persona che matura i requisiti di Quota 100 a gennaio del 2022, non può più usufruire dello scivolo e dovrà aspettare altri 5 anni per la pensione ordinaria. Un suo quasi coetaneo che matura i requisiti solo un mese prima, invece, potrà ancora utilizzare Quota 100

"Le ipotesi di riforma previdenziale che prevedono l’obbligo di avere un numero alto di contributi non possono essere accettate, come quella definita Quota 102, con 64 anni di età e 38 di contributi, ancor peggio se accompagnate dal ricalcolo contributivo di tutta la carriera lavorativa. Interventi simili non consentirebbero l’accesso alla pensione anticipata alla maggior parte delle persone, in particolare quelle più deboli sul mercato del lavoro, a partire da giovani e donne".

E’ quanto afferma il segretario confederale della Cgil Roberto Ghiselli a proposito delle proposte per sostituire Quota 100, sperimentazione che si concluderà al termine del 2021. "Qualunque ipotesi di uscita anticipata, che per noi deve essere possibile dai 62 anni - sottolinea il dirigente sindacale - deve vedere un requisito contributivo che non superi i 20 anni e deve valorizzare previdenzialmente i periodi di lavoro discontinuo, povero, gravoso o di cura". Per Ghiselli "solo in questo modo si può parlare alla reale platea del mondo del lavoro, quella di oggi e ancor più quella di domani, oltre a garantire l’uscita con 41 anni di contributi a prescindere dall’età".

"E' quindi importante - conclude il segretario confederale - aprire immediatamente il tavolo tra Governo e sindacati sulla previdenza, che riteniamo debba partire dai contenuti della Piattaforma unitaria che il sindacato da tempo ha presentato all’Esecutivo".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X