Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
INPS

Pensioni più basse per errore dell'Inps: a chi spetta il rimborso e quando

inps, pensioni, Sicilia, Economia

Un errore nel calcolo da parte dell'Inps avrebbe determinato un importo più basso per migliaia di pensionati. Un disguido che potrebbe coinvolgere circa 100mila persone che percepiscono assegni tra i 1.405 e 2010 euro, come segnalano i sindacati.

COSA È SUCCESSO. Ai pensionati in questione sarebbero stati detratti gli aumenti del governo Renzi e pagati lo scorso anno, con la rivalutazione dell'assegno errata anche per il 2020. La restituzione avverrà “probabilmente” nei mesi di marzo o aprile 2020. I pensionati non devono presentare alcuna richiesta specifica all’Inps.

Sul caso prende posizione la deputata del Pd Debora Serracchiani: "L'Inps corregga subito l'errore nel calcolo delle pensioni e si scusi con le migliaia di persone danneggiate ricevendo meno del dovuto. L'Inps è al servizio dei cittadini, non sono accettabili errori di questo tipo, ancor meno un silenzio che sembra arroganza".

E ancora, secondo la deputata "l'Inps deve dare immediatamente dettagliata informazione su tempi e modi del rimborso a chi non ha percepito il dovuto. A parti invertite, quando è un cittadino a dovere anche una piccola cifra allo Stato, finisce in una morsa che calcola i minimi interessi sul ritardo. Faccia lo stesso l'Inps con i pensionati e valuti il danno del ritardo. Come apprendiamo oggi dal presidente dell'Inps Giuseppe Tridico - conclude Serracchiani - è in corso una riorganizzazione dell'Ente: speriamo che possa contribuire ad evitare il ripetersi di simili brutti errori, oltre a eliminare sacche di privilegio nella dirigenza pubblica".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X