Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vigili del Fuoco: concorso per 26 vice direttori informatici, i requisiti
LAVORO

Vigili del Fuoco: concorso per 26 vice direttori informatici, i requisiti

concorso, LAVORO, vigili del fuoco, Sicilia, Cronaca
Vigili del fuoco in caserma a Palermo (foto d'archivio)

Un concorso pubblico per 26 posti di vice direttore informatico del Corpo nazionale dei vigili del fuoco è stato indetto dal ministero dell'Interno. Per partecipare alla selezione occorre essere in possesso della laurea e per candidarsi c’è tempo fino all'1 agosto 2022.

I requisiti

Al concorso può partecipare chi ha: cittadinanza italiana; godimento dei diritti politici; età non superiore agli anni 45; qualità morali e di condotta di cui agli articoli 26 della legge 1° febbraio 1989, n. 53 e 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; non essere stati espulsi dalle forze armate e dai corpi militarmente organizzati; non avere riportato sentenza irrevocabile di condanna per delitti non colposi o non essere stati sottoposti a misura di prevenzione; assenza provvedimenti di destituzione da pubblici uffici o di dispensa dall’impiego presso una pubblica amministrazione o di decadenza da un impiego statale. I concorrenti dovranno possedere, inoltre, uno dei seguenti titoli di studio: laurea magistrale tra: fisica (LM-17); informatica (LM-18); ingegneria dell’automazione (LM-25); ingegneria delle telecomunicazioni (LM-27); ingegneria informatica (LM-32); matematica (LM-40); sicurezza informatica (LM-66); tecniche e metodi per la società dell’informazione (LM-91). Nel bando si precisa che sono fatte salve, ai fini dell’ammissione al concorso, le lauree universitarie conseguite secondo gli ordinamenti didattici previgenti ed equiparate ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione del 9 luglio 2009, di equiparazione tra diplomi di lauree di vecchio ordinamento, lauree specialistiche (LS) di cui al decreto n. 509/1999 e lauree magistrali (LM) di cui al decreto n. 270/2004.

Le prove

Nel caso in cui il numero delle domande presentate superi di almeno dieci volte il numero dei posti messi a concorso, ci sarà una prova preselettiva. Le prove d’esame, invece, saranno costituite da due prove scritte e da una prova orale. La prima, consisterà nella stesura, senza l’ausilio di strumenti informatici, di un elaborato, ovvero nella risposta sintetica a quesiti, che verteranno su architettura, sviluppo, verifica e rilascio di applicativi software; progettazione ed utilizzo efficiente dei database management systems (D.B.M.S.). La seconda prova scritta riguarderà la stesura di un elaborato, ovvero la risposta sintetica a quesiti e verterà, a scelta del candidato, su gestione dei moderni sistemi di elaborazione dati o architettura delle reti di telecomunicazione o sicurezza informatica. Chi avrà riportato in ciascuna prova scritta una votazione non inferiore a 21/30 potrà sostenere l'orale. La prova verterà su elementi di diritto costituzionale e amministrativo; informatizzazione della pubblica amministrazione, con particolare riferimento al codice dell’amministrazione digitale; ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile e ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Durante la prova orale sarà accertata la conoscenza della lingua straniera, scelta dal candidato all’atto della presentazione della domanda tra inglese, francese, spagnolo e tedesco. La prova orale si intende superata se il candidato consegue una votazione non inferiore a 21/30. La Commissione esaminatrice valuterà, a parità di punteggio: abilitazioni professionali correlate alle lauree magistrali riportate nel bando; dottorato di ricerca afferente alle suddette lauree magistrali; lauree magistrali diverse da quella considerata quale requisito di partecipazione al concorso.

Posti riservati

C'è una percentuale di posti riservata: il 25% al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco che, alla data di scadenza del termine stabilito nel bando per la presentazione della domanda di partecipazione, sia in possesso dei requisiti di cui all’art. 2 dell’avviso pubblico, ad esclusione dei limiti di età; il 10% al personale volontario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco che, alla data di scadenza del termine stabilito nel presente bando per la presentazione della domanda di partecipazione, sia iscritto negli appositi elenchi da almeno sette anni ed abbia effettuato non meno di duecento giorni di servizio, fermi restando gli altri requisiti previsti dal citato art. 2; il 2% agli ufficiali delle forze armate che abbiano terminato senza demerito, alla data di scadenza del termine utile stabilito nel presente bando per la presentazione della domanda di partecipazione, la ferma biennale, fermi restando gli altri requisiti previsti dal predetto art. 2.

Come presentare la domanda

La domanda di ammissione al concorso dovrà essere presentata entro il giorno 1 agosto 2022 esclusivamente per via telematica, mediante l’applicazione disponibile a questa pagina, previo accesso con Spid.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X