Domenica, 25 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pioggia e allagamenti: esonda il fiume Mazaro, danni tra Palermo ed Agrigento

Pioggia e allagamenti: esonda il fiume Mazaro, danni tra Palermo ed Agrigento

Il maltempo sta creando seri danni in tutta la provincia di Trapani. Strade allagate, tombini scoppiati, auto impantanate e fiumi esondati. Questa mattina, a Mazara del Vallo, il fiume Mazaro è uscito fuori dagli argini, come si vede dalle immani del Centro Meteorologico Siciliano, e alcune piccole imbarcazioni hanno subito danni, mentre nelle aree circostanti sono stati registrati allagamenti.

Sempre a Mazara, cinque persone anziane, tra cui un diversamente abile, sono stati messi in salvo dal gruppo Sfa (Soccorso fluviale alluvionale) dei Vigili del fuoco. L’intervento è avvenuto nella notte. Tre persone sono rimaste bloccate dopo che l’acqua aveva raggiunto un metro d’altezza sulla strada, allagando il pian terreno delle proprie abitazioni. Le altre due sono state soccorse proprio sulla sponda del fiume Mazaro, nel tratto che scorre in città.

Tra Castelvetrano e Selinunte, tetti di capannoni volati, muri caduti, oliveti e vigneti sommersi dall'acqua, supermercati allagati. Una barca da pesca a Marinella di Selinunte è affondata mentre l'illuminazione pubblica a Castelvetrano è saltata.

A Trapani strade allagate e disagi non solo per gli automobilisti. Ci sono alcuni residenti e commercianti preoccupati per il livello dell'acqua che ormai ha superato il marciapiede e minaccia negozi e abitazioni. Tombini saltati ad Erice Casa Santa e tanti disagi per gli automobilisti bloccati nelle proprie vetture.

Situazione d'emergenza questa mattina sulla strada statale 188 tra Salemi e Marsala per una voragine che si è aperta sull'asfalto. L'asse viario è chiuso in entrambe le direzioni e sul posto è presente l'Anas per la gestione del traffico e per consentire il ripristino della regolare viabilità nel più breve tempo possibile. Proprio a Salemi e nei Comuni vicini, oggi, le scuole di ogni ordine e grado e sono chiuse. Diversa la situazione ad Erice dove invece gli istituti sono rimasti aperti perché, come ha spiegato il sindaco Daniela Toscano, in base alla valutazione della protezione civile comunale non ci sono livelli di criticità tali da dover ricorrere alla chiusura.

E un incidente, fortunatamente senza feriti, è la conseguenza della tanta acqua caduta in queste ore. Sulla A29, all'altezza dello svincolo per Fulgatore, un'auto si è ribaltata finendo oltre lo spartitraffico. Fortunatamente l'unica persona presente nella vettura è rimasta illesa. Diversi gli interventi dei vigili del fuoco, sia nella scorsa notte che questa mattina.

Il Prefetto di Agrigento: massima allerta non uscire da casa

«Il vortice Mediterraneo, al momento, sta scaricando a mare, ma è molto vicino all’area Nord dell’Agrigentino. Nelle prossime ore - a partire da stanotte - si prevede un avvicinamento della forte ondata di temporali accompagnata da raffiche di vento». Lo afferma il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa che in relazione all’ondata di forte maltempo lancia «un accorato appello a tutti gli agrigentini, residenti in ogni paese: non mettetevi in macchina e non uscite di casa, la condizione è di grande, grandissimo, rischio».
«L’ondata di forte maltempo - spiega il Prefetto - sta interessando la zona Nord della provincia. Ci sono importanti criticità a Sciacca, Menfi, Ribera e nei Comuni più piccoli del circondario. Ci sono situazioni emergenziali e si sta profilando l’evacuazione dei cittadini che hanno avuto dei danni o che sono a rischio. Più torrenti sono straripati e siamo veramente in allerta. Dalle informazioni in mio possesso, con buona probabilità, seppur stiamo parlando di condizioni meteo imprevedibili, questa ondata di maltempo si sta ulteriormente avvicinando all’Agrigentino dove dovrebbe giungere in nottata». «Lancio un accorato appello - conclude il Prefetto - a tutti gli agrigentini, tutti in maniera indistinta, residenti in ogni paese: non mettetevi in macchina e non uscite di casa. Assolutamente non uscite di casa, la condizione è di grande, grandissimo, rischio».

A Sciacca crolla muro, sgomberata palazzina

Un muro di sostegno è crollato a ridosso di un edificio di 7 piani a Sciacca. Gli abitanti di due palazzi sono stati sgomberati. Diverse auto sono state interessate dal crollo che ha provocato il cedimento di una porzione di strada di asfalto.

Previsioni meteo: tregua nel fine settimana

Le temperature sono ancora in leggero calo. La perturbazione, secondo le previsioni di 3BMeteo, proseguirà anche nella giornata di domani, venerdì 12 novembre, con piogge e temporali, localmente di forte intensità. Stavolta, la parte della Sicilia maggiormente interessata dai fenomeni, sarà la Sicilia centro-orientale.

Il maltempo, però, darà una tregua nel fine settimana. Già da sabato le piogge saranno davvero residue con i venti che spazzeranno le nuvole. Andrà decisamente meglio domenica: "La circolazione depressionaria, responsabile di deboli piogge nella prima parte del giorno, si allontana favorendo l'ingresso di aria più secca responsabile di schiarite dalla sera". Nell'Isola sarà sempre presente il vento e i mari rimarranno mossi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X