Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, si aggravano le condizioni dei due cinesi ricoverati allo Spallanzani
ROMA

Coronavirus, si aggravano le condizioni dei due cinesi ricoverati allo Spallanzani

CINA, virus, Sicilia, Cronaca
Lo Spallanzani di Roma

C'è preoccupazione allo Spallanzani per le condizioni dei due cinesi ricoverati per aver contratto il Coronavirus. In un bollettino della Direzione sanitaria dell'Istituto nazionale per le malattie infettive si comunica che i due cittadini cinesi "nelle ultime ore hanno avuto un aggravamento delle condizioni cliniche a causa di una insufficienza respiratoria, come segnalato nei casi fino ad ora riportati in letteratura. Pertanto è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva".

Nella nota poi si precisa: "I pazienti sono monitorati in maniera continuativa e sono sottoposti a tutte le cure, anche farmacologiche del caso, compresi farmaci antivirali sperimentali. Le attuali condizioni cliniche sono quindi compromesse ma stazionarie, per cui i medici che li hanno in cura si riservano la prognosi", precisa il bollettino.

Sono stati ad oggi dimessi 26 pazienti dallo Spallanzani di Roma dopo il risultato negativo del test. Presso l'Istituto sono ricoverati in questo momento 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina interessate dall'epidemia. Tutti sono stati sottoposti al test per la ricerca del nuovo Coronavirus, tutt'ora in corso. Per quanto riguarda le 20 persone, che non presentano alcun sintomo e che hanno avuto contatto con la coppia cinese positiva all'infezione da nuovo coronavirus, continuano ad essere osservate presso l'Istituto Spallanzani. Sono tutte in buone condizioni generali e la loro salute non desta preoccupazioni.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X