Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TRAGEDIA DEL GRAN SASSO

"Tenevo mia moglie per mano, poi non l'ho sentita più": il racconto di un sopravvissuto del Rigopiano

PESCARA. Lui è salvo, è vivo, è fuori dalle macerie dell'Hotel Rigopiano. Lei è ancora dispersa. Nessuno vuole dare voce al terrore che si avveri l'ipotesi peggiore e la speranza dà forza ad amici e parenti. Sta tenendo col fiato sospeso una città il destino di Giampaolo Matrone e Valentina Cicioni, la coppia trentenne di Monterotondo, hinterland romano, che martedì scorso aveva lasciato la figlioletta ai nonni per cercare un po' di relax tra i monti dell'Abruzzo ma si è ritrovata al centro esatto di una tragedia.

Giampaolo, 34 anni, titolare della pasticceria 'La Deliziosa' nella cittadina in provincia di Roma, è stato trovato la scorsa notte sotto quello che resta del resort grazie al suo cellulare, rilevato da un congegno della Polizia. Ferito a un braccio, è stato operato al Santo Spirito di Pescara, e poi trasferito in condizioni "discrete" in Rianimazione. Lontano dalla sua Valentina.

"Le stringevo la mano e le parlavo per tenerla sveglia perché volevo che rimanesse sempre vigile - ha raccontato ancora sotto choc a un soccorritore, che ha riferito il pensiero - la chiamavo, poi a un certo punto non l'ho sentita più e ho capito che mi stava lasciando".

Gli scavi, poi il grido liberatorio tra gli applausi: il racconto per immagini nei soccorsi di Rigopiano

Parole, riportate dai media, che gettano nello sconforto la comunità di amici e simpatizzanti che ormai da giorni si raccoglie attorno alle pagine Facebook della coppia postando lì, come in una bacheca spontanea, messaggi di incoraggiamento. Accanto a Giampaolo c'è il fratello Marco, che non crede a quanto racconta il soccorritore, né per quanto riguarda le ore passate sotto le macerie da Giampaolo, né sullo stato di Valentina.

Allora chiama al cellulare i suoi amici della Protezione civile di Monterotondo, che pubblicano la sua versione sulla loro pagina Facebook. Il post rimbalza sul social, e riaccende ancora la speranza per Valentina, infermiera al policlinico Gemelli di Roma, un intero ospedale che da giorni trepida per la sorte della collega.

Cuoricini, incitamenti a tener duro, preghiere. Perché della vacanza di Valentina e Giampaolo al Rigopiano, Facebook doveva essere diario e testimone: avevano pubblicato sulle loro pagine persino le foto del viaggio in macchina verso il Gran Sasso, il cielo grigio di nubi da neve, il calore rassicurante delle decorazioni dell'hotel. E poi l'ultima foto, martedì sera: una bufera bianca, un cumulo candido.

Da resort a trappola infernale: dentro il Rigopiano cancellato dalla neve - Foto

"Nevica poco" la didascalia scherzosa. Oggi Facebook è diventato testimone dell'affetto di una comunità che non si arrende. "Finchè non vedo il suo nome, non ci credo". Finché nulla è ufficiale, Valentina è viva e tornerà a Monterotondo con suo marito, dalla sua bambina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X