Venerdì, 16 Novembre 2018
DONETSK

Ucraina, i separatisti: "Basta compromessi, andiamo avanti nell'offensiva"

"Da parte nostra non ci saranno più tentativi di parlare di tregua", ha detto Zakharcenko all'indomani della conquista dell'aeroporto di Donetsk da parte dei ribelli

MOSCA. I separatisti dell'autoproclamata repubblica di Donetsk non intendono più cercare di trovare un compromesso con Kiev per un cessate il fuoco nel sud-est ucraino. Lo ha annunciato il leader Alexandr Zakharcenko.

«Da parte nostra non ci saranno più tentativi di parlare di tregua», ha detto Zakharcenko all'indomani della conquista dell'aeroporto di Donetsk da parte dei ribelli.

Il 'presidente' separatista ha quindi aggiunto che i suoi uomini intendono «andare avanti» nell'offensiva «fino ai confini della regione di Donetsk». Ma ha anche avvertito che se ci sarà «una minaccia anche da altre parti» sarà «liquidata».

«Kiev - ha proseguito - adesso non si rende conto che siamo in grado di attaccare contemporaneamente su tre direzioni».Il 'presidente'' dell'autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, Alexandr Zakharcenko, si dice pronto a proseguire solo con il presidente ucraino Petro Poroshenko le trattative per risolvere il conflitto nel Donbass. E sostiene di non vedere «più il senso di continuare i colloqui nel formato del gruppo di contatto di Minsk nella stessa composizione». Lo riferisce l'agenzia Interfax. «Parleremo quando arriverà Poroshenko - ha aggiunto Zakharcenko -. Siamo all'offensiva, quali negoziati?».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X