Mercoledì, 25 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Video Mondo Trapani, in Sicilia 63 bambini orfani ucraini fuggiti dall'orrore della guerra

Trapani, in Sicilia 63 bambini orfani ucraini fuggiti dall'orrore della guerra

È atterrato alle 15,40 all’aeroporto «Vincenzo Florio» di Trapani-Birgi il volo speciale ITA AZ 8957 proveniente da Cracovia con a bordo 63 bambini ucraini, evacuati da orfanotrofi di Mariupol e Kramators’k, nell’Oblast di Doneck, accompagnati da 21 adulti, compresi i tutori dei ragazzini ed alcuni educatori con i figli. Ad accoglierli nell’aerostazione, tra gli altri, il prefetto di Trapani Filippa Cocuzza, il presidente dell’Airgest Salvatore Ombra, il vescovo di Trapani monsignor Pietro Maria Fragnelli e il direttore della Caritas diocesana Girolamo Marcantonio. Le 84 persone verranno sottoposti a tampone rapido mentre personale della Questura di Trapani ha già predisposto la procedura per i consueti controlli di rito per i flussi migratori.

«Ci sono giornate in cui è più bello fare il nostro lavoro - ha detto il segretario generale della Cgil Alfio Mannino - Oggi siamo qui ad accogliere i bambini dell’Ucraina che hanno perso i loro genitori. Li accompagneremo nei posti dove verranno accolti, questo è l’aiuto concreto che dà la Cgil al popolo ucraino». Saranno ospitati in 4 strutture sicialiane.

«È la prima volta di un volo umanitario con bambini ucraini che arriva a Trapani - ha detto il prefetto Cocuzza -. È’ un’occasione bella da un lato perché i bambini troveranno un’accoglienza straordinaria percepita dal fermento che vedo qui in aeroporto; dall’altro è un momento anche triste perché parliamo di bambini che sono orfani e che scappano da una condizione terribile».

«Il volo charter Ita partito da Cracovia e atterrato a Trapani è stato finanziato dal M5S con le restituzioni dei parlamentari». Lo ha detto il senatore trapanese Vincenzo Santangelo. L’iniziativa umanitaria Stop the war now è stata organizzata da una rete di associazioni, coordinata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, con la collaborazione della Cgil che ha curato la logistica via terra dall’Ucraina all’Italia e con la collaborazione del sindacato polacco Solidarnosc.

Nel video il segretario generale della Cgil Alfio Mannino.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X