Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Video Cinema ‘’Volevo nascondermi’’ trionfa ai David di Donatello: 7 premi alla storia del pittore Ligabue

‘’Volevo nascondermi’’ trionfa ai David di Donatello: 7 premi alla storia del pittore Ligabue

Una clip del film con Elio Germano

Trionfo senza diritto di replica. Volevo nascondermi di Giorgio Diritti convince, dopo aver vinto tanti prestigiosi premi internazionali, anche l’accademia italiana. La vita del pittore Antonio Ligabue (Elia Germano), uno dei maestri e protagonisti fondamentali dell'arte contemporanea internazionale è un vortice continuo di emozioni e movimenti talvolta irregolari, umilianti. Sotto la lente di Giorgio Diritti, Germano interpreta minuziosamente e con enorme talento il corpo rachitico e gobbo di un pittore che ha vissuto una vita sotto il segno della diversità, della derisione. Nel film di Diritti la tortuosa vita del pittore è seguita a partire dalla sua infanzia e adolescenza in Svizzera, tutt’altro che felice. Poi ci sono gli incontri, quelli che salvano la vita. L'incontro con Renato Marino Mazzacurati, negli anni ’20 , convince Ligabue a dedicare la sua vita unicamente alla pittura attività che elegamente gli consente di comunicare, un’attività che svolgerà fino alll’ulltimo suo giorno di vita.

E ancora una volta i paesaggi, metafore di cui Giorgio Diritti si serve ampiamente per illustrazioni che ledono l’anima. Sono tanti i paesaggi nel film, paesaggi che creano una suspence hitchcockiana. Sono le rive del Po, le campagne svizzere ma sono anche e soprattutto i panorami dell’io di Ligabue.
Angoscia e creatività, tormento e libertà, frustrazione e talento; il miglior film dei David 2021 è un continuo snodarsi entro questi binomi di cui la solitudine e l’abbandono sono i comuni denominatori.

Giorgio Diritti 61enne, al suo quarto lungometraggio in quindici anni di carriera, vince e convince. Un trionfo pregevole vista la concorrenza: Favolacce dei fratelli D’Innocenzo; Hammamet di Gianni Amelio; Miss Marx di Susanna Nicchiarelli; Le sorelle Macaluso  per la regia di Emma Dante.

Tutti i premi:

MIGLIOR FILM
Volevo nascondermi – prodotto da Carlo Degli Esposti, Nicola Serra, con RAI CINEMA per la regia di Giorgio Diritti

MIGLIOR REGIA
Giorgio Diritti per il film Volevo nascondermi

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE
Pietro Castellitto per il film I predatori

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE
Mattia Torre per il film Figli

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Marco Pettenello, Gianni Di Gregorio per il film Lontano lontano

MIGLIOR PRODUTTORE
Marta Donzelli e Gregorio Paonessa per VIVO FILM con RAI CINEMA, Joseph Rouschop e Valérie Bournonville per TARANTULA BELGIQUE per il film Miss Marx

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA
Sophia Loren per il film La vita davanti a sé

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
Elio Germano per il film Volevo nascondermi

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
Matilda De Angelis per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Fabrizio Bentivoglio per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA
Matteo Cocco per il film Volevo nascondermi

MIGLIORE COMPOSITORE
GATTO CILIEGIA CONTRO IL GRANDE FREDDO, DOWNTOWN BOYS per il film Miss Marx

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
“Immigrato” musica e testi di Luca MEDICI, Antonio Iammarino, interpretata da Luca Medici per il film Tolo Tolo

MIGLIORE SCENOGRAFIA
Ludovica Ferrario, Alessandra Mura – Paola Zamagni per il film Volevo nascondermi

MIGLIORE COSTUMISTA
Massimo Cantini Parrini per il film Miss Marx

MIGLIOR TRUCCATORE
Luigi Ciminelli – Andrea Leanza, Federica Castelli (prostetico o special make-up) per il film Hammamet

MIGLIOR ACCONCIATORE
Aldo Signoretti per il film Volevo nascondermi

MIGLIORE MONTATORE
Esmeralda Calabria per il film Favolacce

MIGLIOR SUONO
Presa diretta: Carlo Missidenti
Microfonista: Filippo Toso
Montaggio: Luca Leprotti
Creazione suoni: Marco Biscarini
Mix: Francesco Tumminello
Per il film Volevo nascondermi

MIGLIORI EFFETTI VISIVI
Stefano Leoni, Elisabetta Rocca per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

PREMIO CECILIA MANGINI MIGLIOR DOCUMENTARIO
Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli

MIGLIOR FILM STRANIERO
1917 di Sam Mendes (01 Distribution)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Anne di Domenico Croce e Stefano Malchiodi

DAVID GIOVANI
18 regali di Francesco Amato

DAVID ALLA CARRIERA
Sandra Milo

DAVID SPECIALE
Monica Bellucci
Diego Abatantuono

DAVID DELLO SPETTATORE
Tolo Tolo di Luca Medici

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X