Venerdì, 24 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società La cometa Rosetta "incontra" il Sole, il prossimo avvicinamento tra 6 anni e mezzo - Foto

La cometa Rosetta "incontra" il Sole, il prossimo avvicinamento tra 6 anni e mezzo - Foto

La cometa di Rosetta ha 'incontrare" il Sole. La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko ha raggiunto la minima distanza dalla nostra stella: alle 4,03 (ora italiana) del 13 agosto, le è passata a 185 milioni chilometri di distanza. Ci vorranno altri sei anni e mezzo perchè arrivi di nuovo così vicino al Sole. Sono attese immagini senza precedenti dalla sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea, che già nei giorni scorsi ha immortalato uno spettacolare getto di gas emesso dal collo della cometa.

«Per la prima volta seguiremo in diretta 'l'accensione di una cometa e le osservazioni fatte in questa fase hanno un valore inestimabile» ha detto il coordinatore scientifico dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Enrico Flamini. L'attività della cometa aumenterà nelle settimane successive all'avvicinamento e «vedremo come si modifica la superficie di una cometa a causa del riscaldamento del ghiaccio e della sua evaporazione». Per Ettore Perozzi, del Centro coordinamento sugli oggetti vicini alla Terra dell'Esa, stiamo assistendo al passo successivo rispetto a quello del 1986, quando la sonda Giotto è passata vicino alla cometa di Halley e ha confermato che questi oggetti sono palle di neve sporche.

«Ora - ha detto - vediamo da vicino il lento processo che porta alla formazione di chioma e coda di una cometa e potremo comprenderlo nei dettagli». La fase di avvicinamento al Sole già ha reso attiva la cometa e per questo Rosetta è stata spostata alla distanza di sicurezza
di 300 chilometri. Le particelle di polvere, costantemente scagliate nello spazio, potrebbero infatti disturbare i sensori di orientamento e la navigazione del veicolo spaziale. Non dovrebbe correre rischi invece il lander Philae, nato dalla collaborazione tra le agenzie spaziali di Germania (Dlr), Italia (Asi) e Francia (Cnes) e atterrato sulla cometa il 12 novembre 2014. Anche se sulla cometa le temperature sfioreranno gli 80 gradi, nel suo 'nascondigliò Philae è in ombra e al fresco. Il lander è stato costruito per resistere a temperature fino a 50 gradi e «nell'anfratto dove si trova - ha rilevato Flamini - è piuttosto protetto».

In realtà il veicolo non era stato progettato per sopravvivere all'avvicinamento della cometa al Sole, e, secondo l'esperto il mancato aggancio alla superficie, che ha fatto rimbalzare più volte Philae sulla cometa, portandolo in un luogo diverso da quello previsto, «forse non è stato un evento così negativo». Inaspettatamente la cometa potrebbe essere studiata sul posto anche durante la fase di raffreddamento. Si tenterà di avvicinare di nuovo Rosetta a Philae in autunno, ha detto Flamini, quando dovrebbe diminuire l'attività della cometa, per tentare di ristabilire i contatti con il lander e provare di nuovo a perforare la superficie.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X