Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura I Maneskin fermano il tour in Ucraina e Russia: "Vicini alle persone afflitte dalla guerra"

I Maneskin fermano il tour in Ucraina e Russia: "Vicini alle persone afflitte dalla guerra"

Le restrizioni dovute alla diffusione del Covid in tutta Europa hanno costretto alcuni cantanti e band a "congelare" il tour in attesa che la pandemia allenti la presa e anche per la situazione che si è creata in questi giorni a causa del conflitto fra Ucraina e Russia. I Maneskin, pluripremiata band italiana, vincitrice del Festival di Sanremo e dell'Eurovision, hanno annunciato lo stop al tour di concerti in calendario, con molte date sparse per il Continente anche in Ucraina e Russia (il 7 marzo a Kiev, il 9 a Mosca e l'11 a San Pietroburgo).  Impossibile, al momento, ridefinire le date del Loud Kids on Tour 2022, già rinviato a fine gennaio.

"Nonostante il nostro desiderio di darvi aggiornamenti sul tour europeo e italiano entro il 1° marzo - si legge in un post sul profilo Instagram del gruppo rock  - , non siamo in grado di definire e condividere le nuove date in questo momento di tensione per l'Europa e per il mondo intero. Siamo più vicini che mai a tutte le persone afflitte dalla guerra in questo momento", sottolineano i quattro ragazzi romani nel messaggio ai fan. "Siamo più vicini che mai ai nostri fan, ai nostri partner e a tutte le persone afflitte dalla guerra in questo preciso momento", si legge nel lungo messaggio della band, scritto in italiano e inglese. "La nostra solidarietà va a tutti coloro che stanno soffrendo a causa del conflitto in Ucraina e speriamo che la violenza in atto possa vedere una fine. Insieme a questa speranza abbiamo anche quella di potervi dare aggiornamenti il prima possibile, in tempi di pace. Vi ringraziamo per la grande pazienza e per la comprensione, come sempre. Vi siamo più vicini che mai e abbiamo grande speranza per il futuro".

Numerose le nuove date dei concerti, rimandati a causa dello stato di emergenza legato al Covid. Tra i tanti artisti che hanno dovuto rinviare di qualche mese le proprie esibizioni ci sono Francesco De Gregori, Pinguini Tattici Nucleari, Ermal Meta, Sfera Ebbasta, Subsonica, Rocco Hunt. In campo internazionale, lo scorso gennaio, la cantante Adele ha annunciato il forfait a 24 ore dal concerto di Las Vegas. I concerti in programma erano 24 e tutti al Caesars Palace, ogni weekend fino ad aprile. Si trattava dei primi spettacoli di Adele da cinque anni a questa parte. I biglietti erano in vendita ad un prezzo che andava dagli 85 ai 685 dollari.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X