Martedì, 21 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Sanremo, scelte le Nuove proposte del festival: le foto dei giovani in gara

Comincia a prendere forma il prossimo festival di Sanremo, targato Amadeus. In attesa di conoscere i nomi dei Big e gli ospiti delle cinque serate di febbraio (dal 4 all'8), il conduttore e direttore artistico spalanca le porte dell'Ariston agli otto cantanti che parteciperanno tra i Giovani.

Leo Gassmann (con Va bene così), Fadi (Due noi), Marco Sentieri (Billy Blu), Fasma (Per sentirmi vivo), Eugenio in via di Gioia (Tsunami) sono i cinque protagonisti che, in diretta tv su Rai1, si sono sfidati a colpi di duelli e musica per conquistare un posto in prima fila all'Ariston.

A loro si aggiungono, da Area Sanremo, Gabriella Martinelli e Lula (Il gigante d'acciaio, dedicata a Taranto e alle vicende dell'ex Ilva) e Matteo Faustini (Nel bene e nel male).

Approda di diritto all'Ariston anche la giovanissima Tecla Insolia, vincitrice di Sanremo Young.

Temi sociali e malessere generazionale corrono tra i brani, gli stessi che arriveranno a febbraio.

Sfide secche, dentro o fuori. Per quella che qualcuno considera l'occasione della vita, qualcuno un passaggio obbligato verso il successo. Sono emozionati i ragazzi (e si vede, dalle mani che si contorcono, dagli sguardi persi, dalle gambe che non stanno ferme), anche se molti di loro hanno già alle spalle talent e gavetta.

Come Thomas che arriva da Amici, ma deve cedere il passo a Leo Gassmann, da X Factor, figlio di Alessandro - che via Twitter fa il tifo: be brave and rock on! - e nipote di Vittorio (e più di uno gli ricorda che porta un cognome "ingombrante", mentre la rete ipotizza raccomandazioni, ma lui ribatte che "è la musica a vincere").

Anche Jefeo arriva da Amici e anche lui deve arrendersi a Fasma. Gli Eugenio in via di Gioia portano una ventata di allegria e lasciano fuori il bravo Avincola (con un brano sui rider).

Eliminati anche Shari e i Reclame. A decidere i più meritevoli sono televoto, Commissione musicale del festival, giuria demoscopica e giuria televisiva, ovvero i cinque senatori del festival Pippo Baudo, Antonella Clerici, Carlo Conti, Gigi D'Alessio e Piero Chiambretti, alla quale spettava l'ultima parola in caso di parità. E non è mancata qualche stoccata via social, come quella di Enzo Mazza, ceo della FIMI, che in un tweet ha polemicamente sottolineato le differenze d'età tra giudicanti e giudicati.

"Date di nascita super giuria #sanremogiovani: 1936, 1956, 1961, 1962, 1967. Artisti in gara secondo regolamento: non aver superato i 36 anni. Ovvero non essere nati dopo 1983. Età media utilizzatori di Spotify: 25 anni, ovvero nati nel 1994". I giudici, tutti veterani del festival, non raccolgono la provocazione, arrivata già nei giorni della loro ufficializzazione. Anche perché, come dicono in coro: "A Sanremo non si dice mai di no". E invitati da Amadeus a tornare tra un mese e mezzo, non potranno certo tirarsi indietro per le celebrazioni dei 70 anni del festival (e Conti ha già promesso che sposterà la sua "vacanzina" alle Maldive).

Appuntamento, dunque, al 4 febbraio (e prima anche a Potenza con il Capodanno di Rai1, sempre condotto da Amadeus) con in testa già le canzoni.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X