Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport "Valentino è il Michael Jordan della moto": il tributo dei campioni di oggi
L'ADDIO DI ROSSI

"Valentino è il Michael Jordan della moto": il tributo dei campioni di oggi

Si è trasformata in un omaggio al «mito» Valentino Rossi la conferenza stampa del GP della Stiria di MotoGP. L’annuncio del suo ritiro, a fine stagione, ha monopolizzato le emozioni e le parole di molti dei suoi avversari, che hanno involontariamente sottolineato il salto di generazione che li divide da Vale.

Il leader del mondiale, Fabio Quartararo, è stato il primo a parlare ed ha esordito ricordando che Rossi «era già due volte campione del mondo quando sono nato. È la persona che mi ha fatto desiderare di diventare un pilota motociclistico. Una leggenda dello sport. Sarà molto strano non vedere più il numero 46 sulla carena di una moto».

«Grazie, Valentino - ha commentato Johann Zarco - per tutto quello che hai dato. Hai cambiato la visione delle moto nel corso degli anni 2000 fino ad oggi». «È stato un privilegio - le parole di Joan Mir - gareggiare contro Rossi. Quando ha dato la notizia del ritiro ero più agitato di lui. Sembrava un momento che non doveva arrivare mai, lui è il Michael Jordan delle moto».
Maverick Vinales è stato a lungo suo compagno di team alla Yamaha. «Ho scoperto di avere la passione per questo sport - ha raccontato lo spagnolo - guardandolo festeggiare le sue vittorie. È stato il mio idolo e punto di riferimento da quando avevo 4-5 anni. Una fonte di ispirazione ed un pungolo per me. Vale è una grande persona, anche fuori dalla pista, avremmo voluto gareggiare contro di lui per sempre».

«La misura del suo carisma la dà l’amore della gente - ha sottolineato Miguel Oliveira - che non è diminuito quando Rossi ha smesso di vincere come agli inizi. Ha avuto un’influenza incredibile su tutta la Moto Gp».

Alla conferenza stampa di Rossi ha voluto essere presente Jack Miller, per rendergli omaggio. «C'è un solo un modo di salutarlo, un lungo applauso. È stato un onore - ha detto l’australiano della Ducati - condividere la pista con lui. Per lo sport è un’enorme perdita. Ci mancherà, ma non penso che rimarrà a lungo lontano dal paddock».

«Tornare questo weekend, nel giorno dell’annuncio del ritiro di Valentino, ed essere suo compagno di squadra è pazzesco», ha detto Cal Crutchlow, sostituto dell’infortunato Morbidelli nella Yamaha Petronas. «È incredibile - ha aggiunto - quello che ha fatto per questo sport. Se parli di moto parli di Rossi. Basta dire il suo nome e chiunque sa di cosa stai parlando. È una vera icona planetaria».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X