Lunedì, 14 Ottobre 2019
TENNIS

Non basta un grande Cecchinato: il palermitano cede a Raonic

di

ROMA. Sul centrale del Foro Italico Marco Cecchinato va vicino all’impresa, ma cede infine per 64 46 64 a Milos Raonic. Il canadese affronterà al secondo turno Nick Kyrgios.

Ha dato tutto, gettando sul campo ogni stilla di energia, ma non è bastato. Il debutto assoluto di Marco Cecchinato in un main draw degli Internazionali d’Italia aveva meritato il palcoscenico del centrale, dato anche il blasone del suo avversario, Milos Raonic. Per il canadese, rientrato la settimana scorsa fra i top ten del ranking mondiale, si trattava di un normale primo turno di un Master 1000; per il palermitano, n. 119 Atp, del match più importante in carriera, affrontato con il giusto piglio e grande fiducia nei propri mezzi. Naturale quindi che la differenza tra i due si sia assottigliata rispetto alle consuete gerarchie e che l’azzurro, a un certo punto, abbia persino lasciato sperare nella clamorosa impresa.

Ceduto il parziale d’avvio per un unico break al quinto game, Cecchinato, che si era guadagnato una wild card attraverso le prequalificazioni, ha strappato la battuta al rivale in apertura di secondo, involandosi sul 3-0 e mantenendo il vantaggio fino al 5-2. Qui Raonic ha ottenuto il controbreak ed è sembrato poter ripetere, più o meno, lo score in suo favore del recente confronto diretto di Monte-Carlo (63 75). Invece il 23enne siciliano non si è lasciato scoraggiare e, con una serie di pregevoli soluzioni, specie con il rovescio a una mano, ha immediatamente tolto di nuovo il servizio al nordamericano, pareggiando così il conto dei set nel tripudio generale.

Nel terzo Cecchinato è rimasto in partita, ma il break incassato nel settimo game si è rivelato decisivo. In verità, con Raonic alla battuta sul 5-4, Marco si è portato 0-40, ma non è riuscito a concretizzare nessuna delle tre opportunità consecutive di aggancio, nonostante il suo rivale non abbia mai messo in campo la prima. È finita subito dopo: 64 46 64 in due ore e nove minuti.

L’azzurro è uscito dallo stadio visibilmente deluso, pur tra gli applausi convinti di un pubblico che ha trascinato e dal quale ha incamerato energie preziose durante l’incontro. Lo spazio per i rimpianti, però, deve essere ben limitato. Fino a tre settimane fa Cecchinato non aveva ancora vinto un match di tabellone principale nel circuito maggiore: poi sono giunti i quarti a Bucarest, con le affermazioni su Baghdatis e Dzumhur. Ripetersi oggi con Raonic al Foro Italico sarebbe stato forse chiedere troppo.

Al secondo round il canadese se la vedrà in una sfida che si prospetta decisamente affascinante con Nick Kyrgios, impostosi con un rapido 61 62 su un altro siciliano, Salvatore Caruso. Quattro i precedenti head to head, con due successi a testa: Raonic si è imposto nel 2014 al Roland Garros e a Wimbledon, l’australiano ha prevalso sempre a Church Road nel 2015 e quest’anno a Miami.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X