Sabato, 28 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Icardi-gol e l'Inter torna a vincere Bologna ko e vetta ritrovata
SERIE A

Icardi-gol e l'Inter torna a vincere
Bologna ko e vetta ritrovata

Bologna-Inter, campionato, SERIE A, Mauro Icardi, Roberto Mancini, Sicilia, Sport
L'attaccante dell'Inter Mauro Icardi

BOLOGNA. L'Inter riscopre il gusto della vittoria. A un mese abbondante dall'ultimo hurrà - l'1-0 casalingo con il Verona del 23 settembre - la squadra di Mancini, dopo i pareggi con Sampdoria, Juventus e Palermo, coglie sotto le Due Torri l'opportunità di tornare, anche solo per una notte, in testa alla classifica. E di cancellare, con un colpo di spugna, gli strascichi di quelle quattro 'sberlè prese dalla Fiorentina a domicilio, quando i successi, fino ad allora, erano stati cinque in fila. Spesso 'griffatì Melo, questa volta costretto a uscire, per doppia ammonizione, a una mezz'oretta buona dalla fine.

Per il suo 'Amarcord' nello stadio in cui iniziò a calcare palcoscenici della Serie A a sedici anni o giù di lì, Mancini rimescola le carte, rinuncia a Guarin e sceglie un inedito 4-2-3-1 di Mourinhana memoria con Ranocchia - alla prima in campionato da titolare al posto dello squalificato Murillo - centrale a fianco di Miranda; Juan Jesus e Santon sulle fasce, il duo Kondogbia-Melo a mordere in mezzo al campo e i croati Brozovic e Perisic a comporre, con Ljiaijc, il tridente 'creativò alle spalle di Icardi, ancora capitano. In 'pancà, Jovetic e Palacio.

Sull'altro fronte, rincuorato dal successo in extremis con il Carpi, Rossi - sotto lo sguardo del patron canadese, Joey Saputo - va con un 4-3-3 che non contempla Destro, poco brillante in questo inizio di stagione. L'acquisto di spicco dell'ultimo mercato rossoblù si accomoda in panchina lasciando spazio a Mancosu, al centro del tridente, a fianco di Giaccherini e Mounier. Dietro ai tre di punta, la fantasia dell'ex Taider con Rizzo e Diawara. A guidare la difesa Masina, goleador a Modena. Onorata la memoria di Paride Tumburus, roccioso difensore del Bologna scudettato di Bernardini scomparso nei giorni scorsi, sono i rossoblù di casa a partire meglio: pronti via e Diawara sventaglia dalla tre quarti tagliando in due la difesa interista con Mounier a mancare l'aggancio di un soffio. La Mancini-band, in completo giallo, prova a fare movimento - soprattutto con Ljaijc e Perisic a cercare lo scambio - ma non morde. Anzi. Dai piedi di Melo e Kondogbia non partono le verticalizzazioni che dovrebbero innescare la rapidità di Icardi e il Bologna, ordinato, controlla senza affanni. Togliendosi anche lo sfizio di un paio di incursioni con Giaccherini, comunque controllate dalla retroguardia milanese, e uno slalom di Ferrari murato da Santon. Niente di che.

Giusto qualche sussulto in una gara, senza troppi spunti, giocata a ritmi blandi. Che crescono, un pochetto, nella ripresa. Con le due squadre a velocizzare il gioco, un paio di 'sassatè da fuori di Rizzo da una parte e Brozovic dall'altra e un'incursione di Perisic fermato, a 'botta sicurà da Taider. Innocue schermaglie che non sembrano cambiare l'inerzia della partita.

Che muta invece, paradossalmente, con l'uscita di scena di Melo: in dieci l'Inter inizia a mordere, guadagna fette di campo. E 'castigà il Bologna con una rete di Icardi, la terza stagionale, servito da Ljaijc lanciato da Brozovic su 'lisciò di Ferrari. Galvanizzati dal vantaggio, gli interisti stringono i bulloni dietro, aggrediscono i portatori di palla rossoblù - come non avevano fatto in undici - e tentano pure qualche veloce ripartenza con le forze fresche di Biabiany e Guarin. Graffi su un Bologna - al quale non serve l'innesto di Destro su cui Handanovic compie un 'mezzo miracolò nel recupero - costretto a fare i conti con una classifica pesante. Che potrebbe rimettere in discussione la panchina di Rossi. Per Mancini, espulso al 90', la corsa al vertice riparte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X