Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società La Sicilia tra le regioni più informate sui temi di diversità, equità ed inclusione
LA RICERCA

La Sicilia tra le regioni più informate sui temi di diversità, equità ed inclusione

Secondo una ricerca della Omnicron Pr Group il 55% degli intervistati nelle regioni del sud, ovvero in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia sono i più informati sulle tematiche di diversità, equità e inclusione (DE&I) rispetto alla media nazionale italiana (50% ) e definisce la propria conoscenza dell’argomento come “molto buona”.

La ricerca analizza il livello di percezione e consapevolezza su questi temi tra popolazione generale e lavoratori. L’indagine, condotta con Astra Ricerche, mira a sensibilizzare l’opinione pubblica circa le opportunità e i rischi dello scenario attuale e il ruolo che le aziende posso ricoprire nella costruzione di ambienti inclusivi, equi e rispettosi delle diversità.

Interpellati sulla definizione dei vari tipi di diversità ai quali si fa riferimento nel dibattito pubblico, il 60% dei rispondenti nel Sud del Paese indica quella di identità e genere sessuale (maschio, femmina, non binario, transgender, agender e altro), dell’orientamento sessuale (52%), del colore della pelle (37%), delle culture, tradizioni e usanze etniche (35%).

Il 60% degli abitanti delle cinque regioni del sud Italia vivono la diversità, intesa in tutte le sue manifestazioni, come opportunità per creare valore. La stessa visione positiva, secondo il 51% degli intervistati, vale anche per i loro familiari, amici e conoscenze (contro il 46% della media nazionale).

Il Sud è più fiducioso rispetto alle altre regioni anche per quanto riguarda la percezione delle diversità a livello Paese: per il 32% degli intervistati, gli italiani vedrebbero la diversità come valore/opportunità (28%). L’ottimismo viene proiettato anche nel prossimo futuro: il 61% degli abitanti del sud Italia contro il 56% della media nazionale afferma che in 3-5 anni gli italiani saranno più aperti verso le questioni DE&I.

Tra i fattori scatenanti, secondo le regioni del Sud, prevale la partecipazione ad attività di dialogo/ascolto che permettono a tutti (anche a coloro che si ritengono davvero inclusivi) di scoprire i propri pregiudizi inconsci e quindi di affrontarli (42% conrtro il 37%).

Non è da sottovalutare anche il ruolo delle aziende. Secondo le regioni dell’Italia del Sud, un’azienda non dovrebbe limitarsi a essere attiva nell’area Diversity Equity & Inclusion: dovrebbe anche ‘educare’ i propri clienti ad essere più consapevoli su DE&I, promuovendo atteggiamenti inclusivi (lo sostiene il 69%).

Inoltre, il 64% degli abitanti in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia preferirebbe acquistare prodotti e servizi da un’azienda che si impegna in progetti di DE&I rispetto ad aziende che non lo fanno. Allo stesso tempo, il 65% afferma che è difficile sapere quali sono le aziende virtuose e quali sono quelle pessime quando si parla di Diversità & Inclusione.

Contrariamente a quanto emerso per la diversità, la percezione dello stato di equità in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia è meno rosea, seppur l’opinione pubblica lo vive comunque con più ottimismo rispetto ad altre zone italiane. Soltanto il 40% dei rispondenti (34% a livello nazionale) afferma che in Italia attualmente sono garantite uguali opportunità (professionali, di salute, di istruzione e altro) a prescindere dalle condizioni di partenza (sesso, età, religione, etnia, cultura). Ma il trend è apparentemente positivo: il 57% degli abitanti del Sud (47%) si aspetta che nei prossimi 5 anni sul territorio italiano saranno garantite a tutti uguali opportunità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X