Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Niente Nutella personalizzata per una bimba di 5 anni: si chiama Isis
SUCCEDE IN AUSTRALIA

Niente Nutella personalizzata per una bimba di 5 anni: si chiama Isis

LONDRA. La bimba si chiama Isis: niente barattolo di Nutella con il suo nome sull'etichetta.

È successo in Australia - secondo quanto riporta l'edizione online del britannico Daily Telegraph - dove l'episodio ha scatenato la reazione infuriata della madre della piccola.

Tutto è cominciato, stando al Telegraph, quando una zia della bambina - Isis, di 5 anni, chiamata dai genitori come l'antica divinità egiziana (Iside, in inglese appunto Isis) - ha cercato di regalarle una confezione personalizzata dell'amata cioccolata da spalmare, cogliendo l'occasione di una campagna pubblicitaria internazionale della Ferrero. Ma di fronte a quella parola, il sistema informatico che gestisce la stampa delle etichette si è bloccato automaticamente, rifiutando Isis come nome inappropriato.

Un epilogo inaccettabile per la madre, Heather Taylor, che dal Nuovo Galles del Sud ha fatto trapelare la vicenda attraverso Facebook sui media locali e poi nel resto del mondo.

L'azienda italiana ha reagito ai più alti livelli, facendola chiamare da uno dei suoi top executive per spiegare il perchè di quell'intoppo e sottolineando che esiste una lista di nomi off limits (come Hitler o, appunto, Isis) che non possono essere stampati per evitare ogni equivoco o strumentalizzazione.

Ma Heather Taylor non ci sta. «Sono arrabbiata perchè si rende sporco il nome di mia figlia», insiste, negando ogni paragone con l'esempio di Hitler visto che la bambina è stata chiamata così prima che lo Stato Islamico emergesse. Non solo, sul web è stata diffusa una petizione perchè si smetta di riferirsi al Califfato come all'Isis: anche per rispetto di chi, senza colpa alcuna, porta quel nome.

La campagna australiana di personalizzazione di Nutella, così come per tutte le campagne, prevede «l'esclusione di alcune parole che potrebbero essere fraintese o ritenute inappropriate da una comunità internazionale più allargata». Lo precisa la Ferrero, confermando che l'etichetta in questione, quella col nome di Isis, «non è stata approvata per la stampa».

La multinazionale di Alba, precisa una nota, «è un'azienda dolciaria che si propone di creare prodotti innovativi di alta qualità rivolti a tutti, riconoscendo e rispettando l'evoluzione delle diverse sensibilità dei suoi consumatori. L'obiettivo della campagna attualmente in atto in Australia è quello di dare ai fan di Nutella la possibilità di personalizzare la loro crema alle nocciole preferita, in un modo divertente e gioioso. Come avviene per tutte le campagne, riteniamo importante garantire anche in questo caso coerenza nei termini e nei modi di esecuzione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X