Lunedì, 08 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Bambini ricoverati, sì al gioco per prepararli agli interventi
PREVENZIONE

Bambini ricoverati, sì al gioco per prepararli agli interventi

Si terrà lunedì il corso "Quello che i bambini non dicono"

ROMA. Il gioco aiuta i piccoli ricoverati a trasformare un'esperienza traumatica e stressate come quella della permanenza in ospedale in un momento di crescita da vivere in modo non negativo. Ha inoltre un ruolo molto importante nella prevenzione e nella preparazione dei piccoli a un'intervento chirurgico o all'anestesia, perché spesso vengono invitati a impersonare il ruolo del medico curando altri compagni o dei bambolotti o a utilizzare oggetti che potenzialmente possono provocare inquietudine , come le siringhe o le garze, per familiarizzarci. A spiegare gli effetti benefici che questa "terapia del gioco" ha in ambito ospedaliero e' la dottoressa Carla Maria Carlevaris, psicologa e responsabile della Ludoteca del Bambino Gesù. L'ospedale pediatrico romano dedicherà a questo argomento il corso "Quello che i bambini non dicono", che si terrà il 1 dicembre dalle 9 alle 14.

"Il gioco e' una parte imprescindibile della crescita del bambino, dal punto di vista affettivo e cognitivo, lo aiuta tra le altre cose a trasformare i conflitti e le emozioni negative in storie, a trovare una soluzione ai problemi- spiega Carlevaris- se il bimbo viene ospedalizzato anche il gioco può diventare ripetitivo, senza immaginazione, carico di ansia, arrivando a riflettere le esperienze traumatiche e stressanti che il piccolo sta vivendo. Ci vogliono quindi un luogo e delle persone che lo aiutino a giocare e a trasformare la permanenza in ospedale in un'esperienza di crescita non negativa".

"Il gioco non ha solo la funzione di aiutare a scaricare lo stress, serve anche come prevenzione e preparazione dei bambini a un intervento o all'anestesia- aggiunge- nella Ludoteca del Bambino Gesù facciamo ad esempio impersonare loro un ruolo, curando un bambolotto o un altro bambino, e facciamo si che utilizzino, per familiarizzarci, siringhe senz'ago e garze, oggetti potenzialmente inquietanti".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X