Mercoledì, 28 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Il voto in Sicilia, FdI sceglie Schifani e Miccichè fa il nome di Cittadini
REGIONALI 2022

Il voto in Sicilia, FdI sceglie Schifani e Miccichè fa il nome di Cittadini

di
Regionali 2022, Barbara Cittadini, Daniela Faraoni, Gianfranco Miccichè, Giorgia Meloni, Ignazio La Russa, renato schifani, Silvio Berlusconi, Tommaso Calderone, Toti Amato, Totò Cuffaro, Sicilia, Politica
Barbara Cittadini

Volano gli stracci dentro Forza Italia. L’ok di FdI a Renato Schifani, tra i nomi offerti agli alleati dal partito di Berlusconi - ma non proprio ai primi posti - per chiudere la partita del candidato governatore in Sicilia, spiazza buona parte dei big azzurri. Perché, filtra da ambienti di partito, Ignazio La Russa prima di rendere ufficiale la scelta, avrebbe informato solo Antonio Tajani. Nè Licia Ronzulli nè tantomeno Gianfranco Miccichè, il ras azzurro nell’Isola che ha affossato il bis di Nello Musumeci, sarebbero stati avvisati.

Una mossa ritenuta scorretta

Una mossa, insomma, ritenuta «scorretta e provocatoria» da chi aveva già dovuto digerire il «no» di Giorgia Meloni a Stefania Prestigiacomo, la prescelta dal Cavaliere. Tant’è che a fare rumore è il silenzio tombale, almeno fino all’imbrunire, dei dirigenti azzurri attorno al nome di Schifani, che riceve invece gli apprezzamenti dei «cespugli» di centrodestra: Noi con l’Italia, la Dc di Totò Cuffaro e un «endorsement criptico» degli autonomisti di Raffaele Lombardo, federati con la Lega. Bocche cucite finora e imbarazzo da parte proprio del Carroccio, che aveva condiviso con Forza Italia di convergere sulla Prestigiacomo. In serata Matteo Salvini ha raggiunto Berlusconi a Villa Certosa in Sardegna. Chi tra i leghisti aveva pronto il comunicato stampa pro-Schifani è stato stoppato. «In serata qualcosa accadrà», sussurra un parlamentare di Salvini, che però non osa azzardare alcuna ipotesi. Per tutta la giornata, spiegano diversi protagonisti della coalizione, ci sono state telefonate infuocate. Da domani si depositano i simboli elettorali per le regionali del 25 settembre, ci sarà tempo fino alle 16 di domenica. Ma nessuno in queste ore nel centrodestra azzarda pronostici. Sarà alla fine Schifani il candidato ufficiale? Ci sarà un altro nome? Oppure, come aveva ipotizzato Gianfranco Miccichè nei giorni scorsi, c’è davvero il rischio che il centrodestra in Sicilia si spacchi? E’ stato La Russa , in tarda mattinata, ad aprire le danze: «Ho parlato con Meloni che, nell’impossibilità di far convergere tutta la coalizione sul presidente uscente Musumeci, ha accolto la proposta di Silvio Berlusconi di individuare un nome tra la rosa che il presidente stesso gli ha proposto. Il nome individuato da noi, tra i nomi fatti, è Renato Schifani». Perché, argomenta, «in qualità di ex presidente del Senato, ha mostrato nel suo ruolo istituzionale essere al di sopra dei partiti» e aggiunge che «Meloni ha comunicato a Salvini questa preferenza: ancora una volta FdI fa il massimo sforzo per unità del centrodestra anche a scapito delle legittime aspirazioni».

Deputati e assessori azzurri vogliono Miccichè

«Il centrodestra unito è un valore assoluto, imprescindibile. Forza Italia è baricentro del centrodestra e si candida a guidare la Regione Siciliana. Fermo restando l’autorevolezza e la statura politica sia del presidente Renato Schifani sia dell’onorevole Stefania Prestigiacomo, tutta Forza Italia Sicilia si stringe attorno al proprio commissario regionale Gianfranco Miccichè ritenendolo oggi l’unico soggetto in grado di poter rappresentare tutte le componenti del partito siciliano e in grado di portare al successo tutta la coalizione di centrodestra». Lo affermano in una nota congiunta i parlamentari regionali, gli assessori regionali e tutti i commissari provinciali di Forza Italia in Sicilia.

E Miccichè offre il nome di Barbara Cittadini

In serata si apprende che il leader siciliano degli azzurri Gianfranco Miccichè avrebbe offerto agli alleati il nome di Barbara Cittadini, presidente nazionale dell’Aiop, per la candidatura alla presidenza della Regione siciliana. Su questo nome dev’essere trovata la convergenza degli altri partiti della coalizione.

La rosa di nomi di Forza Italia

In realtà, sfumata Prestigiacomo, il primo nome di Forza Italia era quello di Gianfranco Miccichè, gradito agli alleati siciliani tranne che a FdI. Altro nome sarebbe stato quello di Daniela Faraoni, dirigente generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo; poi gli outsider Tommaso Calderone (capogruppo Fi all’Ars), Barbara Cittadini, responsabile nazionale Aiop (cliniche private) e Toti Amato, presidente dell’ordine dei medici a Palermo. Anche se i rapporti tra Miccichè e Schifani negli ultimi tempi sono migliorati, nei mesi scorsi l’ex presidente del Senato aveva ‘sposatò la line dei cosiddetti «governisti» azzurri in rivolta contro il leader siciliano per la sua strenua opposizione al bis di Musumeci. Se l’ex governatore e commissario della Dc Nuova Totò Cuffaro reputa «Schifani una personalità caratterizzata da grande senso delle Istituzioni e collaudata esperienza politica», il referente del M5s in Sicilia, Nuccio Di Paola, attacca il centrodestra: «Complimenti a tutto il centrodestra per la scelta del senatore Schifani, pare l’abbia fatta FdI da una rosa di nomi proposta da Silvio Berlusconi. Se così fosse, auguriamo al senatore Schifani buona campagna elettorale, impegnato anche, come risulterebbe, nel processo al cosiddetto «sistema Montante» dove sembrerebbe imputato per rilevazione di segreto d’ufficio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X