Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Alunni vaccinati non più in Dad, la Lega si dissocia: «Bambini discriminati»
CABINA DI REGIA

Alunni vaccinati non più in Dad, la Lega si dissocia: «Bambini discriminati»

coronavirus, didattica a distanza, green pass, Sicilia, Politica
Il premier Mario Draghi

Il decreto con le nuove norme anti-Covid riguardanti la scuola, lo stop alle restrizioni per i vaccinati in zona rossa e la durata del green pass è stato approvato dal Consiglio dei ministri. Lo si apprende da fonti di governo a riunione ancora in corso.

Spaccatura

I ministri della Lega, secondo quanto si apprende, in Consiglio dei ministri non hanno partecipato al voto delle nuove norme Covid su Dad e quarantene a scuola, inserite nel decreto approvate in Cdm. I leghisti hanno spiegato, a quanto si apprende, di aver deciso di non votare perché quelle norme «discriminano i bambini non vaccinati».

Green pass

Chi ha fatto la dose booster di vaccino e chi si è contagiato dopo aver fatto due dosi ed è guarito avrà il green pass illimitato. È questo l’orientamento, secondo quanto si apprende, che sarebbe emerso nel corso della cabina di regia prima del Consiglio dei ministri. Inoltre, anche nelle zone rosse varranno per i vaccinati con dose booster le regole di zone bianche, gialle e arancioni e quindi per loro non scatterà il lockdown. Di fatto, spiegano fonti governative, per i vaccinati non dovrebbero esserci più distinzioni tra i colori delle regioni. Anche su questa norma la discussione dovrebbe essere fatta in Consiglio dei ministri.

«Nelle prossime settimane - ha detto, secondo quanto si apprende, il premier Mario Draghi, aprendo il Consiglio dei ministri - andremo avanti su questo percorso di riapertura. Sulla base dell’evidenza scientifica, e continuando a seguire l'andamento della curva epidemiologica, annunceremo un calendario di superamento delle restrizioni vigenti».

Scuola

I bambini da 0 a 6 anni andranno in Dad per cinque giorni se in classe ci sono più di cinque casi positivi al Covid. È l’orientamento che emerge dalla cabina di regia sul Covid che si è svolta a Palazzo Chigi. La Dad - viene spiegato - scatterà per tutti, dal momento che a questa età i bambini non sono vaccinabili e stanno in classe senza mascherina. A partire dalle scuole elementari, al contrario, scolari e studenti vaccinati non andranno più in Dad. La didattica a distanza scatterà quindi solo per i non vaccinati o guariti e durerà 5 giorni. Per la scuola primaria la Dad scatterà dopo 5 casi positivi in classe, per la scuola secondaria se si superano i 2 casi.  «I provvedimenti di oggi vanno nella direzione di una ancora maggiore riapertura del Paese», ha detto Draghi. «Oggi ci occupiamo della scuola in presenza, che è da sempre la priorità di questo governo. Veniamo incontro alle esigenze delle famiglie, che trovano il regime attuale delle quarantene troppo complicato e restrittivo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X