Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Crisi di governo, Renzi: "Tutti sanno che non ci saranno elezioni"
ITALIA VIVA

Crisi di governo, Renzi: "Tutti sanno che non ci saranno elezioni"

governo, Matteo Renzi, Sicilia, Politica
Matteo Renzi, leader di Italia Viva

«Io non ho paura di niente, meno che mai della democrazia. Quanto ai 18 senatori di Italia Viva mi faccia dire che sono orgoglioso di loro. E che non hanno paura delle elezioni. Per due motivi. Uno, perché le elezioni non fanno paura a chi è abituato a misurarsi con il consenso. Il secondo motivo è ancora più chiaro: tutti sanno che non ci saranno elezioni. Dobbiamo aprire le scuole, non i seggi. Dobbiamo aumentare il numero dei vaccinati, non dei candidati. Dobbiamo scrivere il Recovery plan, non i libri dei sogni elettorali. Le elezioni fanno paura a chi verrebbe politicamente decimato come i 300 parlamentari del Movimento cinque stelle, non ai 18 senatori di Italia viva».

Così Matteo Renzi sul 'Corriere della sera' dove, parlando della crisi di governo, racconta che «le ministre Bellanova e Bonetti e il sottosegretario Scalfarotto sono persone serie. Stanno al governo perché hanno delle idee, non per vanagloria. Se queste idee non piacciono, noi non siamo come gli altri: le poltrone le lasciamo. Oggi tocca al premier decidere se ciò che abbiamo detto su vaccini, Mes, cantieri da sbloccare, scuola e cultura, è degno di nota oppure no. Lo aspettiamo al Senato, allora, che posso dire di più? Magari fosse un problema di ministeri: ci dividono i contenuti e la politica, non i posti».

Renzi rivela che secondo lui il premier puntava al soccorso di un gruppo di 'responsabili', transfughi dall’opposizione: «Ci hanno provato e la risposta molto secca dei gruppi che fanno riferimento al segretario Cesa e al presidente Toti ha indebolito il progetto. Se vogliono un confronto parlamentare noi ci siamo: si chiama democrazia e di democrazia non è mai morto nessuno».

Quanto al Recovery, «Gualtieri ha colto il valore delle nostre critiche. Noi vogliamo mettere tutte le forze politiche davanti al passaggio storico che stiamo vivendo: il Recovery plan è l’ultima chance per l’Italia, una finestra che ci permetterà per poco tempo di investire sul futuro dei nostri figli. Questo piano era stato scritto in fretta, senza condivisione, e con cifre assurde; sono certo che Gualtieri stia lavorando per migliorare il piano. Peggiorarlo non potrebbe nemmeno se volesse, è tecnicamente impossibile. Con il Pd ci sono convergenze - prosegue - quanto a Di Maio, no. Non lo sento da molte settimane. E sinceramente fatico a capire come il ministro degli Esteri del Paese che riceve più risorse dall’Ue possa dire no al Mes per vecchie ruggini sovraniste: non sono più quelli che andavano a braccetto con i gilet gialli. Oggi sono europeisti, dovrebbero ricordarselo».

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X