Venerdì, 14 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Recovery Fund, Conte ottimista: "All'Italia 172 miliardi"
NEGOZIATO

Recovery Fund, Conte ottimista: "All'Italia 172 miliardi"

Chiudere un accordo su un Recovery fund da 750 miliardi è possibile. Giuseppe Conte mostra un cauto ottimismo sulla possibilità di portare all’Italia 172 miliardi tra risorse a fondo perduto e prestiti. La partita europea è ancora complicatissima ed è probabile che non si chiuda neanche con il Consiglio europeo del 17 e 18 luglio. Tutta in salita, come testimonia il confronto a cena con il premier olandese Mark Rutte, la battaglia sui vincoli e gli impegni sulle riforme per accedere ai fondi. Ma per il governo è una partita vitale, perché darebbe spazi di manovra in vista di quello che già la ministra Luciana Lamorgese annuncia come un autunno caldo, ma che per la maggioranza è già un’estate bollente.

Il premier si prepara ad affrontare una settimana fittissima. Lunedì sera l’incontro a Berlino con Angela Merkel, martedì la decisione su Aspi e un nuovo dpcm per prorogare le misure anti contagio. E da giovedì sera, quando
cenerà a Bruxelles con Emmanuel Macron, due giorni non stop di negoziato. Perché non vengano ridotte - e su questo Conte mostra un cauto ottimismo - le risorse per il Recovery fund: dopo che Charles Michel ha confermato i 750 miliardi proposti dalla commissione, le basi ci sono.

Ma anche per evitare che i fondi vengano vincolati a giudizi e veti dei partner europei, che li rendano difficilmente accessibili. Il rischio c'è. L’Italia è al lavoro su un Recovery plan ambizioso, ma non accetta condizionamenti: Conte lo ha spiegato all’olandese Rutte, che su riforma come pensioni e lavoro vuole impegni concreti. «Gli ho fatto abbracciare il tricolore», sorride il premier mostrando una foto che ritrae lui e il premier olandese con una bandiera
italiana. Si può chiudere un’intesa non al ribasso: è il cauto ottimismo del premier. Se servirà nel negoziato, Roma potrebbe irrigidire la sua posizione, fino a minacciare il veto sul bilancio pluriennale e i fondi ("Rebates") cari ai Paesi "frugali» inseriti nel bilancio pluriennale.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X