Domenica, 01 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Immigrazione, Alfano: "Il trattato di Schengen non si tocca"
NCD

Immigrazione, Alfano: "Il trattato di Schengen non si tocca"

immigrazione, ministro, ncd, Schengen, Sicilia, Politica
Il ministro degli Interni, Angelino Alfano

ROMA. Il trattato di Schengen non si tocca perchè «è una conquista di libertà». Lo afferma il ministro dell'Interno Angelino Alfano in un'ampia intervista al Corriere della Sera in cui parla non solo di immigrazione e sicurezza, ma anche di unioni civili con un messaggio esplicito al premier Matteo Renzi: «la legge non era nel patto di governo, noi di Ncd ci sentiamo liberi di non votarla». Alfano plaude alla convocazione di un vertice Ue straordinario sull'immigrazione, «purtroppo - dice - ci sono voluti centinaia di morti non solo nel Mediterraneo, ma anche sulla rotta balcanica e dentro i Tir». «Ora si comprende che l'Italia è soltanto luogo di transito, il vero approdo sono i Paesi del Nord. Ma le resistenze non sono state soltanto dei tedeschi, anzi». «Durante il vertice di luglio ho visto Francia e Germania fare la loro parte, mentre altri Stati appena entrati nell'Unione hanno creato tanti problemi». La priorità dell'asilo europeo indicata dal premier Renzi «è la strada giusta» anche per Alfano: «se c'è cittadinanza europea e libera circolazione ci deve essere il diritto di asilo europeo che non si regala a nessuno che non lo meriti. L'obiettivo è quello di impedire ai profughi di scegliersi il Paese dove andare».  Quanto all'emergenza nei centri di accoglienza italiani, il ministro propone «un sistema strutturato che preveda l' ospitalità diffusa e l'ausilio degli enti locali». «Ho appena firmato un bando per altri 10 mila posti nel sistema Sprar: vuol dire che finanzieremo i progetti di accoglienza dei Comuni per il 95% dei costi». Sulla questione sicurezza, Alfano sottolinea che «il livello è già al massimo» ma il Giubileo impone «un ulteriore impegno». Ad ogni modo, promette, «Roma non sarà militarizzata». Infine Alfano risponde all'annuncio di Renzi di una legge sulle unioni civili entro l'anno. Ncd, spiega Alfano, è «d'accordo con il rafforzamento dei diritti», ma dice «no all' equiparazione con il matrimonio, all'adozione, all'utero in affitto. Lavoreremo per l'intesa, ma non sono convinto che riusciremo a trovarla». «Invece - aggiunge - spingeremo al massimo per un 'family act' con detrazioni e deduzioni per sostegno alla natalità, all'accudimento dei figli, all' assistenza per parenti anziani e malati»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X