Venerdì, 22 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Renzi: "Bombardare i barconi al porto? Siamo pronti a intervenire"
IMMIGRAZIONE

Renzi: "Bombardare i barconi al porto? Siamo pronti a intervenire"

ROMA. L'ipotesi di bombardare i barconi nel porto? «È un'ipotesi che è stata praticabile in Albania, sono tecniche militari, lo studio è pronto, noi siamo pronti a intervenire». A dirlo è il premier Matteo Renzi.

Sull'immigrazione però «mi aspetto una risoluzione Onu complessiva, poi valuteremo». «Quello della distribuzione» dei migranti in Ue «è una proposta che arriva dalla commissione, mi sembra seria. Ci sono alcuni Paesi che non la vogliono, capisco la loro resistenza, ma è chiaro che non può essere solo l'Italia a farsi carico» dei migranti.

«L'Italia non è più sola, con Mare Nostrum l'Italia era sola, oggi è alla guida di un gruppo mondiale». Lo afferma il premier Matteo Renzi al videoforum di Repubblica tv. Quello dell'immigrazione è «un fenomeno di proporzioni globali, è veramente rilevante. Ecco perchè dico a chi sostiene che ci vuole Mare Nostrum come fosse una panacea, che è stata una buona risposta all'emergenza», aggiunge.

Ma il premier affronta anche la questione delle divisioni interne al Partito democratico: «Il Pd fa i conti con una grande opportunità e una crisi di crescita, se vedo i numeri di quelli che se ne sono andati e chi è arrivato, soprattutto da Sel, il numero è positivo. Siamo aumentati anche nell'ala sinistra. Non è vero che c'è il rischio di smottamento al centro». Così Matteo Renzi nega derive centriste del Pd.

«In Liguria che è oggettivamente l'ultima spiaggia per Berlusconi, la sinistra masochista ha chiesto primarie e le ha perse e anzichè accettare il risultato, lo ha rimesso in discussione e ha scelto un candidato contro quello ufficiale del Pd e lo fa non per vincere ma per far vincere Toti. FI ha una sola possibilità di essere rianimata ed è la sinistra masochista».

'Berlusconi finito? Occhio, ha più vite di un gatto'

Sulla questione delle pensioni, il premier: "La sentenza non dice pagare subito tutto" . "La norma del governo Monti, votata dal parlamento anche dagli smemorati - sottolinea -  che ora si lamentano, dice che la mancata indicizzazione delle pensioni è incostituzionale. Ma non dice che bisogna pagare domani mattina tutto. Può darsi che la sentenza offra margini, nei prossimi giorni verificheremo le carte".

E sulla Scuola: 'Su poteri preside cambiati 2 punti su 3':  "il preside proporrà il pof ma il consiglio di istituto lo approverà", così come sulla valutazione dei docenti "deciderà un nucleo di valutazione" mentre resta il potere del preside di scegliere gli insegnanti nelle graduatorie.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X