Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Meno privacy sui social e pc: cambia il decreto anti-terrorismo
CAMERA DEI DEPUTATI

Meno privacy sui social e pc: cambia il decreto anti-terrorismo

Tra gli emendamenti inseriti ve ne è infatti uno che permette le intercettazioni «preventive» delle comunicazioni via web dei sospettati di terrorismo e la possibilità di conservare fino a due anni i dati del traffico telefonico

ROMA. Il decreto anti-terrorismo approda nell'Aula della Camera, dopo un passaggio nelle Commissioni di merito che lo hanno arricchito di norme che pongono l'eterno dilemma del contrasto tra privacy e sicurezza. Tra gli emendamenti inseriti ve ne è infatti uno che permette le intercettazioni «preventive» delle comunicazioni via web dei sospettati di terrorismo e la possibilità di conservare fino a due anni i dati del traffico telefonico.

Il decreto da una parte rifinanzia le missioni militari all'estero e dall'altra introduce norme per contrastare le nuove  forme di terrorismo: di qui pene severe per i «foreign  fighters», cioè persone che non commettono reati sul suolo italiano. E il carcere scatta anche per i reclutatori, per chi fa propaganda e per chi addestra. Con in più la previsione dell'aggravante delle pene se i reati vengono commessi attraverso mezzi informatici. Ma a destare i dubbi del garante della privacy, Antonello Soro, espresse martedì prima della loro approvazione da parte delle Commissioni, sono le norme che autorizzano la polizia a  effettuare le intercettazioni preventive dei sospettati sulle reti informatiche, utilizzando programmi per acquisire «da   remoto» le comunicazioni su social, come «whatsup» o altre piattaforme.

L'altra misura oggetto delle perplessità di Soro è quella che che porta a 2 anni il termine di conservazione dei dati di traffico telematico e delle chiamate senza risposta (oggi rispettivamente di un anno e di un mese). Eppure le norme sono state votate a larga maggioranza dalle Commissioni Difesa e Giustizia, e sono frutto del lavoro dell'Intergruppo per la lotta al terrorismo. E ad ampia maggioranza sono stati approvati altri emendamenti che cercano di far fronte alle nuove modalità del terrorismo. Per contrastare i «lupi solitari», vengono puniti anche coloro che si addestrano da soli per compiere attacchi, anche se non li portano a termine. Così come l'autorizzazione ai Servizi di infiltrarsi nelle carceri, luoghi di reclutamento degli aspiranti jihadisti. Inoltre è stato previsto un coordinamento delle indagini, affidato al Procuratore nazionale anti-mafia, che è ora anche «anti-terrorismo». Infine, su proposta del relatore Andrea Manciulli (Pd), è stata introdotta una misura per scoraggiare i viaggi in aree a rischio, chiamata informalmente «norma Anti Greta e Vanessa». Il Ministero degli Esteri indicherà le aree a rischio e sconsiglierà esplicitamente i Paesi dove recarsi: «Chi intraprende viaggi in zone pericolose o li organizza avrà l'esclusiva responsabilità individuale» sulle conseguenze. Il decreto però si è inceppato su una norma che prevede l'assunzione di nuovi allievi ufficiali dei carabinieri, che costa 4 milioni di Euro. L'assenza del parere del Tesoro ha impedito alla Commissione Bilancio di esprimersi. Domani arriva il responso, così come la decisione se ricorrere o meno alla fiducia, davanti ai 250 emendamenti. Il governo vorrebbe evitarla e ha chiesto alle opposizioni di circoscrivere la discussione a un numero più limitato di emendamenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X