Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Jobs act, sindacati divisi su articolo 18
RIFORMA DEL LAVORO

Jobs act, sindacati divisi su articolo 18

ROMA. Dopo un incontro durato oltre tre ore i leader di Cgil, Cisl e Uil «hanno deciso di proseguire il confronto per l'elaborazione della piattaforma unitaria». Dunque la riunione di stamattina dovrà ripetersi e ancora la linea comune fra i tre sindacati di fatto non c'è. I tre leader, intanto, hanno dichiarato l'intenzione di definire una piattaforma unitaria sulla riforma del lavoro, ma solo dopo che saranno più chiare e certe le scelte del Governo.

Nell'incontro di questa mattina, che è iniziato alle 10,30 nella sede della Cisl, i tre sindacati confederali hanno anche «preparato la riunione del 6 ottobre a Roma alla quale parteciperanno la Ces e tutti i sindacati europei in vista del vertice dei governi europei sull'occupazione programmato a Milano per l'8 ottobre».

La leader della Cgil, Susanna Camusso, dice di essere «ottimista» sull'esito del confronto tra sindacati per una posizione unitaria su Jobs Act e articolo 18. Oggi «c'è stata una buona discussione, molto utile e molto interessante». Mentre, sottolinea, «non c'è una notizia di divisioni, c'è invece un lavoro che stiamo facendo insieme».

L'attesa dei sindacati è imposta anche «dall'incertezza su quali saranno le scelte del governo».Quella di oggi tra Cgil, Cisl e Uil «è stata una discussione più di valutazioni e proposte che di mobilitazioni», dice la leader della Cgil, Susanna Camusso, dopo tre ore di confronto tra i sindacati confederali su Jobs Act e articolo 18. Sul fronte della mobilitazione, spiega, «ognuno ha deciso le sue forme e le manteniamo»: è così confermata la manifestazione della Cgil a Roma il 25 ottobre. «Continueremo a discutere anche nell'attesa di capire cosa vuol fare il governo».

«La posizione della Uil è che i governi si giudicano in base a quello che fanno». Luigi Angeletti sottolinea così che il confronto tra sindacati su Jobs Act e articolo 18 per una posizione comune prosegue perché oggi si assiste «ad una marea di discussioni del governo molto diverse e molto cangianti. Non possiamo discutere sulle dichiarazioni - dice il leader Uil -, dobbiamo aspettare che il governo dica formalmente che intenzioni ha per modificare le
regole sul lavoro e poter quindi dire se ci piace o no».

La Uil giudica «una cosa buona e positiva» l'intenzione del premier Matteo Renzi di eliminare le forme contrattuali che per i sindacati generano precarietà ma avverte: «Non ci sono scambi». Il segretario generale Luigi Angeletti lo ha detto ribadendo che «su protezioni come l'articolo 18» la posizione della Uil è che non vanno ridotte ma estese anche ai lavoratori che non ce l'hanno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X