Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Coronavirus, 360 morti in Cina: più vittime della Sars
L'EPIDEMIA

Coronavirus, 360 morti in Cina: più vittime della Sars

I morti in Cina per l’epidemia di coronavirus hanno superato le vittime della Sars nel Paese asiatico. All’ultimo conteggio diffuso dalla Commissione Nazionale per la Sanità, i decessi sono 360, cifra che supera le 349 vittime sul territorio cinese dell’epidemia di Sars del 2002-2003.

Dall’emergere del virus nella città di Wuhan a dicembre scorso, l’epidemia di coronavirus ha colpito 24 nazioni e nella sola Cina sono 17.205 i casi confermati, mentre le persone che sono state dimesse dalle strutture ospedaliere dopo la guarigione sono 475, tra cui anche un uomo di 88 anni, ieri, a Wuhan.

Nel primo giorno utile di ritorno al lavoro, sono almeno 24 le province e municipalità cinesi, come Shanghai, Chongqing e il Guandong, che invece hanno rinviato la ripresa delle attività economiche e produttive a non prima del 10 febbraio per i timori di contagio. Sono aree che nel 2019 hanno pesato per oltre l’80% in termini di contributo al Pil della Cina e per il 90% all’export.

L’Hubei, cuore dell’epidemia, non ripartirà prima del 14 febbraio, sempre che non si richieda una «appropriata estensione» del periodo di ferie, ha scritto venerdì il Quotidiano del Popolo.

(ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X