Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Germania, vince Merkel e Schulz sceglie l'opposizione: addio Grande coalizione
DOPO IL VOTO

Germania, vince Merkel e Schulz sceglie l'opposizione: addio Grande coalizione

elezioni germania, Angela Merkel, Martin Schulz, Sicilia, Mondo
Angela Merkel

BERLINO. "Il nostro obiettivo è assumere il ruolo di una forte opposizione in questo paese", ha ribadito Martin Schulz, commentando gli esiti del voto alla Willy Btrandt Haus.

Schulz è chiaro: starà all'opposizione. Tramonta così l'ipotesi della Grande Coalizione, la Grosse Koalition (formata Cdu-Csu e Spd), che ha governato fino a ieri la Germania. La domanda che si pone subito dopo il voto di oggi è: quale sarà la coalizione che governerà la Germania, nei prossimi 4 anni?

La risposta è molto meno articolata del previsto. Se si esclude una coalizione di minoranza, cosa che Angela Merkel ha subito messo in chiaro, affermando che nessun governo sarà costruito contro la Cdu, ne restano soltanto due. Grosse Koalition: è la coalizione (uscente) fra i partiti principali, Unione (Cdu-Csu) e Spd. I numeri ci sono, col 33% dell'unione e il 20% dei Socialdemocratici la squadra avrebbe ancora la maggioranza. Angela Merkel non l'ha affatto esclusa, ma è stato Martin Schulz - come detto - a farlo, annunciandosi subito all'opposizione.

I socialdemocratici (che hanno governato con Merkel nel 2005 e nel 2013) attribuiscono alla forza della cancelliera lo smarrimento del loro partito. E una riedizione di questa squadra è molto mal vista dalla base.

Giamaica: di una coalizione fra Unione Liberali e Verdi si parla molto da settimane a Berlino. Alla fine in questa squadra i partiti sarebbero quattro, se si conta anche la Csu bavarese, partito gemello della Cdu. Si tratterebbe di una costellazione abbastanza complicata, che dovrebbe far convivere gli ecologisti e i partiti più conservatori.

Un punto di scontro è ad esempio l'obiettivo dei Verdi di Cem Oezdemir e Catrin Goering-Eckardt di uscire dal motore a combustibile entro il 2025. Meta che Csu e Fdp non condividono, pur appoggiando gli obiettivi dell'accordo del clima di Parigi.

Molti sono stati gli appelli a una squadra del genere in questi giorni. Un aspetto positivo di questa squadra è che se i socialdemocratici andassero davvero all'opposizione, Afd non ne risulterebbe la leader. Con i dati emersi dalle urne sono escluse invece la coalizione nero-gialla, la nero-verde, il semaforo e la rosso-rosso-verde.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X