Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Due aerei si scontrano durante un air show in Svizzera, ancora una tragedia nei cieli
L'INCIDENTE

Due aerei si scontrano durante un air show in Svizzera, ancora una tragedia nei cieli

ROMA. Due aerei si sono scontrati in volo in un airshow nel nord della Svizzera e almeno uno degli aerei si è schiantato dopo l'impatto. Lo riferiscono fonti dei  vigili del fuoco di Laufental. lo schianto è avvenuto nel villaggio di Dittingen, nei pressi di Basilea. Le squadre di soccorso sono sul posto.

Una persona è morta, si tratta di' un pilota 50enne. Lo riferisce la stampa svizzera online. I due velivoli della formazione tedesca Grasshoppers si sono urtati in volo e sono precipitati.  Un aereo è finito contro un capannone e il suo pilota, un 50enne, ha perso la vita. Il secondo pilota si è gettato con il paracadute ed è giunto a terra senza riportare ferite. Un terzo aereo della pattuglia è riuscito ad atterrare senza alcun problema. Le cause del dramma restano ignote.

L'incidente avviene ad appena 24 ore dall'episodio più o meno simile avvenuto durante lo Shoreham Airshow, in Gran Bretagna, anch'esso  trasformatosi in tragedia quando il jet non è riuscito a completare il giro della morte e si è schiantato sulla statale A27, nel West Sussex, travolgendo diverse auto. L'esplosione ha scatenato una palla di fuoco che si è portata via la vita di almeno 11 persone. E' infatti cresciuto il numero delle vittime dell'incidente come riferiscono i media britannici che citano la polizia del Sussex.

«L'esibizione dell'Hawker Hunter era iniziata da poco quando abbiamo pensato 'quell'aereo vola veramente basso'. Poi abbiamo visto le fiamme e colonne di fumo nero», ha raccontato Laura Raymond, presentatrice di una radio locale che assisteva allo spettacolo. Meglio ancora è andata ad Ailish Southall, che stava guidando sulla statale coi suoi due bambini a bordo ed è scampata per un soffio all'impatto.

«Ci aspettavamo che il jet riprendesse quota - ha riferito alla BBC - ma non lo ha fatto e si è praticamente spezzato in due; abbiamo visto le fiamme e siamo fuggiti dall'auto per evitare i rottami poichè l'incidente è avvenuto dall'altra parte della strada». Immediata la risposta da parte delle autorità britanniche, che hanno chiuso la A27 - una statale molto trafficata con lunghi tratti a doppio scorrimento di marcia - e hanno inviato sul posto ambulanze ed elisoccorso.

Il Royal Sussex County Hospital è entrato in «stato di allerta» e ha iniziato ad accogliere i primi feriti. In tutto ne sono arrivati 14 in modo lieve; uno, invece, è in fin di vita. Non è chiaro al momento se il pilota sia riuscito a salvarsi - un testimone oculare dice di non averlo visto lanciarsi dal velivolo - o sia al contrario incluso nella conta delle vittime. Quel che è certo è che l'incidente è stato ripreso da diverse angolazioni da molti spettatori o semplici curiosi e che in pochi minuti le immagini, molte delle quali decisamente impressionanti, hanno trovato la via dei social network. Tanto che l'Air Accident Investigation Bureau britannico - che ha inviato un team sulla scena del disastro - ha chiesto a «chiunque sia in possesso di video o fotografie dell'incidente e delle sue fasi precedenti o successive di conservarle e aspettare ulteriori istruzioni» poichè potrebbero essere utili per «assistere gli investigatori».

«I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno ai familiari delle vittime e ai feriti», ha detto Tim Loughton, deputato eletto nella circoscrizione di East Worthing e Shoreham. Si tratta del secondo incidente avvenuto al Shoreham Airshow in pochi anni. Nel 2007, infatti, il 49enne Brian Brown, già stuntman nella saga James Bond, rimase ucciso quando tentò un'acrobazia non autorizzata a bordo di un Hurricane della Seconda Guerra mondiale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X