Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Allarme Onu: "Oltre 10 mila civili morti in Afghanistan nel 2014"
IL RAPPORTO

Allarme Onu: "Oltre 10 mila civili morti in Afghanistan nel 2014"

Il numero delle vittime civili nel conflitto afghano nel 2014 è cresciuto del 25%, mentre i feriti hanno visto un incremento del 21%

KABUL. I civili morti nel conflitto afghano nel 2014 sono cresciuti del 25%, mentre i feriti a loro volta hanno visto un incremento del 21%. Lo ha reso noto oggi a Kabul la Missione delle Nazioni Unite di assistenza all'Afghanistan (Unama).

Presentando alla stampa il suo rapporto annuale, l'Unama ha precisato che in totale le vittime civili (morti e feriti) documentate sono state 10.548, il numero più alto dal 2009, in
aumento del 22% rispetto all'anno precedente.

Nel documento, intitolato 'Rapporto annuale 2014 sulla protezione dei civili nel conflitto armatò, si specifica che lo scorso anno i morti sono stati 3.699 ed i feriti 6.849. Dal 2009, si dice ancora, lo scontro fra le forze di sicurezza nazionali e internazionali e gli insorti ha causato 47.745 vittime civili (17.774 morti e 29.971 feriti). Inoltre, per la prima volta lo scorso anno rispetto al 2009, il numero di morti e feriti causato dagli scontri territoriali è stato maggiore di quello dovuto allo scoppio di rudimentali ordigni (ied). Con un forte incremento anche di decessi di donne e bambini. Stigmatizzando questo aggravamento della situazione, il rappresentante speciale del segretario generale dell'Onu in Afghanistan, Nicholas Haysom, ha sottolineato che «esso dimostra il poco rispetto delle parti in conflitto per gli impegni presi di protezione della popolazione civile afghana».

Dal rapporto dell'Unama, peraltro, emerge che gli «elementi anti-governativi» restano responsabili della maggior parte delle vittime civili (72%), mentre la restante parte è addebitata alle forze filo-governative (14%), a impossibilità di determinare le responsabilità (10%) o ad altre cause (4%).

L'ultimo attacco terroristico è avvenuto ieri. Il governatore della provincia orientale afghana di Logar, Niaz Muhammad Amiri, ha annunciato che i morti nell'attacco di un commando di talebani al locale quartier generale della polizia sono 24, 20 agenti e quattro militanti. I feriti, ha detto, sono invece 18.

Al termine dell'attacco il portavoce del governo provinciale, Din Muhammad Darwesh, ha ricostruito all'ANSA quanto accaduto: «Erano quattro attentatori suicidi. Il primo si è fatto esplodere all'ingresso del quartier generale della polizia. Altri due sono stati uccisi dalle forze di sicurezza mentre un quarto è riuscito ad arrivare fino nel refettorio».

L'attacco è stato rivendicato dal portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, secondo cui esso «ha provocato moltissime vittime». I media hanno segnalato che l'operazione è stata condotta contemporaneamente ad una simile contro un commissariato di polizia a Lahore, in Pakistan. E mentre è in visita a Kabul il comandante in capo dell'esercito pachistano, generale Raheel Sharif.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X