Giovedì, 28 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Charlie Hebdo, tra i fermati a Parigi c'è anche l'uomo che ha aiutato Coulibaly
FRANCIA

Charlie Hebdo, tra i fermati a Parigi c'è anche l'uomo che ha aiutato Coulibaly

Sarebbe quello che gli ha fornito «il più rilevante supporto logistico» e in particolare l'auto su cui viaggiava prima della sparatoria a Montrouge

PARIGI. Tra le 12 persone fermate oggi nella banlieue di Parigi c'è il principale complice di Amedy Coulibaly, quello che gli ha fornito «il più rilevante supporto logistico» e in particolare l'auto su cui viaggiava prima della sparatoria a Montrouge. Lo rivela iTelè. L'uomo, rivela ancora la rete all news, citando fonti vicine agli inquirenti, sarebbe stato individuato grazie a tracce di materiale genetico ritrovate nell'auto.

All'indomani della maxi-operazione delle forze di sicurezza, con due morti e 13 persone arrestate, dodici le abitazioni perquisite - presunti membri di una cellula di jihadisti, tornati dalla Siria, pronti a fare un attentato contro la polizia - l'allerta in Belgio resta al livello tre su una scala di quattro, ed il Paese si risveglia nella paura. La sicurezza è stata rafforzata nel Paese, soprattutto nei commissariati, dove gli agenti di guardia sono armati di mitragliette. Inoltre è stato chiesto alla popolazione di non andare ai posti di polizia se non in caso di stretta necessità. I membri del personale operativo della polizia locale di Anversa hanno ricevuto il permesso di portare a casa la loro arma di servizio. Intanto le principali scuole ebraiche di Bruxelles e Anversa sono rimaste chiuse, mentre le misure di sicurezza sono state rafforzate presso le istituzioni europee. Secondo indiscrezioni circolate nelle ultime ore e diffuse da alcuni media belgi (Derniere Heure e on-line fiamminghi) i jihadisti stavano preparando il rapimento e la decapitazione di un importante personaggio.

L'emittente belga Rtl riporta, invece, che i membri della cellula di presunti jihadisti neutralizzata ieri sera dalle forze speciali belghe a Verviers probabilmente erano di origine cecena. Nel municipio di Moelenbeek, a Bruxelles, il sindaco Francoise Schepmans ha confermato al quotidiano Soir che una persona è stata fermata nel corso di cinque perquisizioni. Un'altra perquisizione è stata condotta nell'area di Schaerbeek. Nuovi particolari si attendono comunque dalla conferenza stampa della Procura federale, prevista per le 11 a Bruxelles. Secondo iTele una decina di arresti sono stati condotti nell'area attorno a Parigi, in Francia, e a Berlino, in Germania. Ma al momento non sono stati stabiliti legami con l'operazione in Belgio, anche se secondo indiscrezioni ci sarebbero state operazioni coordinate in sette Paesi Ue, ed in Yemen. Nello Yemen è stato fermato un belga sospettato di far parte di una cellula di Al-Qaida, e viene interrogato in queste ore.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X