Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Reddito di cittadinanza, l'incubo dei 471 navigator campani: assunzione in bilico

LAVORO, navigator, reddito di cittadinanza, Sicilia, Economia
La prova di selezione dei navigator

Dalla gioia all'incubo. La vicenda dei 471 navigator campani sembra non avere fine. E adesso arriva un brusco stop alla procedura di assunzione, come rende noto l'Anpal in una nota: "Apprendiamo con rammarico e stupore che la giunta regionale della Campania non ha approvato la convenzione tra Anpal Servizi e Regione Campania che definiva le modalità di assistenza tecnica dei navigator", senza la quale, secondo quanto si spiega nella nota, non si può procedere all'assunzione dei 471 navigator campani vincitori della selezione pubblica.

L'Anpal parla di "accordo irraggiungibile", constatando che "all'impegno sottoscritto non corrisponda la volontà fattuale del presidente De Luca di far partire le attività dei navigator in Regione Campania".

"Le notizie di oggi sono per noi una doccia fredda. Siamo letteralmente senza parole", commenta un portavoce dei 471 navigator campani. "Questa storia - aggiunge - è un incubo infinito. L'accordo del 17 ottobre tra il presidente della Regione, De Luca, e il presidente dell'Anpal, Parisi, aveva sbloccato la nostra situazione. Chiediamo solo buonsenso a tutte le parti in causa e collaborazione istituzionale".

"In questi 15 giorni - sottolineano Anpal e Anpal Servizi in un nota - abbiamo accolto le molteplici modifiche richieste dagli uffici regionali per favorire l'avvio delle attività. Abbiamo operato con senso di responsabilità, forti dell'impegno sottoscritto con il presidente della giunta Vincenzo De Luca lo scorso 17 ottobre. Dobbiamo constatare che all'impegno sottoscritto e diffuso a mezzo stampa sui media non corrisponda la volontà fattuale del presidente De Luca di far partire le attività dei navigator in Regione Campania, che potrebbero essere avviate come avvenuto nelle altre 19 Regioni un attimo dopo la stipula della convenzione".

Ma alle accuse arriva la dura replica del vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola: "Sconcertante e scorretto comunicato di Anpal Servizi. Si fa riferimento alla mancata approvazione da parte della Giunta di una convenzione riguardante l'utilizzo dei cosiddetti navigator. Si tratta di un argomento del tutto privo di fondamento. La Regione non deve regolare con alcuna convenzione l'utilizzo di personale selezionato e convenzionato da Anpal in assoluta autonomia. Anpal tenta artatamente di scaricare sulla Regione inadempienze esclusivamente sue".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X