Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CONSIGLIO DEI MINISTRI

Consorzi e città metropolitane in Sicilia, Roma ha impugnato la norma

ROMA. Il Consiglio dei ministri, pur prendendo atto della lettera del presidente Rosario Crocetta con la quale si impegna ad apportare alcune modifiche, ha impugnato la legge della Regione Sicilia n.15 dell'agosto 2015 su "liberi Consorzi comunali e Città metropolitane". Talune disposizioni - spiega un comunicato di Palazzo Chigi - sono in contrasto con la legge Delrio. In caso di nuova normativa da parte dell'Assemblea regionale siciliana, che vada nel senso dei rilievi contenuti nell'impugnazione, il Governo valuterà l'opportunità di ritirare il ricorso.

 

Anci: già espressi dubbi su legge per consorzi. "L'impugnativa non è più una minaccia, ma una realtà. Il Consiglio dei Ministri ha fatto scattare la mannaia sulla legge regionale 15/2015 che istituisce i Liberi consorzi e le Città metropolitane in Sicilia. Già più volte l'AnciSicilia,- afferma in una nota - aveva espresso forti dubbi di legittimità costituzionale sulla legge e aveva sottolineato il rischio di caos e ingovernabilità che avrebbe potuto replicare la drammatica esperienza che vede tutt'oggi inapplicata la legge di riforma sulla gestione del sistema integrato dei rifiuti (9/2010)".

"La decisione del Consiglio dei Ministri arriva a due mesi di distanza dall'invio di una lettera dell'Associazione dei comuni siciliani indirizzata al presidente Renzi, al ministro Alfano e al Presidente dell'Ars Ardizzone, - ricorda - in cui venivano sollecitati a valutare bene la coerenza della legge, approvata il 30 luglio scorso. Le osservazioni, evidenziate nella lettera del 4 agosto scorso, erano state autonomamente condivise da numerosi sindaci dell'Isola che si erano detti anche pronti a sostenere tutte le iniziative dell' Associazione avverse alla legge. Da tempo l'AnciSicilia sosteneva l'incongruenza della riforma siciliana con quanto disposto su scala nazionale dalla riforma Delrio".

L'AnciSicilia evidenzia, infine, che "senza lo stop a questa legge si sarebbe aggravato, senza ombra di dubbio, lo stato di calamità istituzionale in cui versa la nostra Regione che va di pari passo al disastro di una gestione affaristica di acqua e rifiuti. Si è trattato, quindi, dell'ennesimo scivolone amministrativo di questo governo che continua a non rispettare il patto coi siciliani, ovvero assicurar loro delle buone leggi lontane da inciuci e da mortificanti pasticci legislativi".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X