Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bce: "All'Italia servono ulteriori riforme per la crescita"
NUOVO BOLLETTINO

Bce: "All'Italia servono ulteriori riforme per la crescita"

L'Italia necessita di ulteriori riforme per accrescere il prodotto potenziale". Lo scrive la Bce nel suo bollettino di marzo

FRANCOFORTE. L'Italia necessita di ulteriori riforme per accrescere il prodotto potenziale". Lo scrive la Bce nel suo bollettino di marzo, secondo cui riforme "significative", e portate completamente a termine, nel mercato del lavoro e liberalizzazioni attuate insieme potrebbe determinare una crescita del Pil di oltre il 10% nel lungo periodo.

L'Italia risponde a Eurotower e ricorda che a dicembre, l'Eurogruppo "non chiedeva misure aggiuntive". Lo precisa il Mef commentando quanto affermato oggi dalla Bce. "La Commissione chiedeva 'effective measures' e non misure aggiuntive, cioè una adeguata attuazione delle misure che avrebbero prodotto - secondo la stima italiana - una correzione di 0,3 punti".  Il ministero dell'Economia in particolare sottolinea che l'opinione riportata dalla Bce secondo cui la correzione strutturale (del deficit italiano) sarebbe un mero effetto del calo dei pagamenti di interessi "è quanto meno parziale". La correzione della stima del Pil potenziale da parte della Commissione per tener conto della nuova serie pubblicata dall'Istat della popolazione attiva utilizzata per il calcolo dell'Output gap - spiega il Mef - ha anche fatto emergere meglio il reale sforzo fiscale così come un migliore apprezzamento delle misure contenute nella Legge di Stabilità 2015.

Per Italia e Belgio "continua ad esservi un notevole scostamento dallo sforzo strutturale richiesto nell'ambito della regola del debito". Lo rileva la Bce, secondo cui la Ue ha deciso di non aprire una procedura di deficit eccessivo senza tener conto, "quale fattore aggravante, dell'insufficiente risanamento" nel 2014-2015.

L'attività economica dell'Eurozona dovrebbe accelerare ulteriormente grazie anche ai "progressi compiuti in materia di riforme strutturali e risanamento dei conti pubblici" e con l'export sorretto "dai guadagni di competitività di prezzo e dalla ripresa mondiale". Sottolinea sempre la Bce nel bollettino.

"Anche i rendimenti sulle obbligazioni sovrane dell'area dell'euro con rating più basso sono diminuiti, sebbene la loro volatilità sia aumentata in relazione all'incertezza circa la possibilità per la Grecia di mantenere l'accesso all'assistenza finanziaria".

"La gravità degli squilibri sta aumentando in diversi Paesi" in maniera "preoccupante": lo scrive la Bce riferendosi agli squilibri macroeconomici eccessivi nei Paesi dell'Eurozona e alla linea della Commissione Ue, che sollevano "qualche interrogativo sull'applicazione" e "sull'efficacia del meccanismo preventivo".

Dombrovskis, conosciamo critiche Bce,monitoriamo Italia - "La Commissione è al corrente delle critiche della Bce e continuerà a monitorare regolarmente il rispetto della regola del debito per Italia e Belgio": lo ha detto il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis a margine del vertice Ue ricordando che la procedura non è stata aperta anche grazie allo sforzo sulle riforme.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X