Venerdì, 09 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mascherine all'aperto, obbligo da domani. Il prefetto di Palermo: "Più controlli, ma difficile stare dietro a tutti"
SICILIA IN ZONA GIALLA

Mascherine all'aperto, obbligo da domani. Il prefetto di Palermo: "Più controlli, ma difficile stare dietro a tutti"

coronavirus, Giuseppe Forlani, Sicilia, Cronaca
In zona gialla obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto

La mascherina all'aperto, insieme al limite dei 4 commensali al tavolo dei ristoranti sarà la vera novità da domani in Sicilia con il ritorno della zona gialla. Ma verificare se la misura viene effettivamente rispettata, secondo il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani, sarà un compito arduo.

"I controlli non sono semplici soprattutto per quanto riguarda la mascherina all'aperto - ha commentato Forlani conversando con i giornalisti a margine delle celebrazioni in ricordo dell'imprenditore Libero Grassi, ucciso dalla mafia il 29 agosto di 30 anni fa -. Noi ne facciamo circa 2000 al giorno. E' evidente che in una provincia come quella di Palermo la violazione dell'obbligo di indossare la mascherina può essere talmente diffusa che è difficile intervenire".

Dall'inizio della pandemia, ha rivelato il prefetto, sono state controllate nel solo mese di agosto 50 mila persone, da inizio pandemia 500 mila e 20 mila locali. Circa 7000 le sanzioni amministrative (400 euro) inflitte.

"Nei luoghi in cui si realizza più probabilmente l'affollamento - ha aggiunto il prefetto - le forze dell'ordine sono presenti. Manteniamo in piedi la stessa forza in servizio anche in considerazione della presenze turistiche, facendo particolare attenzione, oltre che alla zona gialla, ai controlli di sicurezza nella attività di balneazione". "Ma - ha aggiunto - non è semplice riuscire a orientare le persone".

Spiega inoltre il prefetto: "Vengono intensificati i controlli in funzione della progressione dei provvedimenti e abbiamo cercato di organizzare al meglio il personale sapendo che o le persone si convincono a rispettare le norme o noi non possiamo stare dietro a tutti. Di certo, le forze dell'ordine sono presenti nei luoghi più affollati. Noi sanzioniamo ma dobbiamo evitare che si crei l'affollamento".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X