Mercoledì, 14 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vaccino AstraZeneca, il Cts: "Raccomandato per gli over 60"
COVID-19

Vaccino AstraZeneca, il Cts: "Raccomandato per gli over 60"

astrazeneca, coronavirus, vaccino, Sicilia, Cronaca
Il vaccino anticovid AstraZeneca

«Considerando i dati sulla letalità (per coronavirus) che confermano che le vittime perlopiù sono anziani, l’idea anche per Italia è di raccomandare l’uso preferenziale oltre i 60 anni». Così Franco Locatelli all’incontro Governo-Regioni. «Non abbiamo elementi per scoraggiare la somministrazione della seconda dose», ha aggiunto.

Locatelli, che ha parlato dopo l'introduzione del ministro Mariastella Gelmini, ha parlato di «trombosi a livello cerebrale e degli organi addominali e abbassamento della conta delle piastrine» come possibili, rari effetti collaterali del vaccino anglo-svedese. «Mentre l’altra volta non si era trovato un nesso di causalità - avrebbe detto Locatelli secondo quanto riferito da fonti presenti all’incontro -, oggi è dichiarato plausibile anche se non dimostrato. È più frequente fino ai 60 anni di età, con complicanze più in soggetti donne e sotto i 60 anni. Solo dopo dopo la prima somministrazione, nell’arco di due settimane. Ma sulla seconda i numeri sono ancora troppo bassi. Più difficile trarre conclusioni».

«Il ministro Speranza è collegato con gli altri ministri europei per trovare una comune posizione (su AstraZeneca, ndr). Non è facile», avrebbe detto Locatelli. «Ma dei 4 Paesi numericamente più consistenti (Germania, Francia, Spagna, Italia) l’orientamento dei primi tre è raccomandare l’uso del vaccino oltre i 60 anni (55 la Francia)», avrebbe aggiunto, secondo quanto riferito da fonti che assistono all’incontro.

Il coordinatore del Cts ha cercato di rassicurare i presidenti di Regione, preoccupati che la popolazione non si fidi più di AstraZeneca, secondo quanto si apprende, sostenendo che non deve preoccupare il fatto che prima il vaccino fosse raccomandato per gli under 60 e ora per gli over 60. I governatori, per bocca del veneto Luca Zaia, hanno paventato che né medici né pazienti si sentiranno tranquilli a dare per esempio la dare a seconda dose di AstraZeneca, secondo quanto riferiscono fonti che assistono all’incontro tra Governo ed Enti Locali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X