Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Olesya Rostova-Denise Pipitone, la tv russa tiene il segreto e spunta la presunta sorella: in procura l'esito sul gruppo sanguigno
IL CASO

Olesya Rostova-Denise Pipitone, la tv russa tiene il segreto e spunta la presunta sorella: in procura l'esito sul gruppo sanguigno

Sicilia, Cronaca
Olesya Rostova oggi

Le speranze che Olesya Rostova sia Denise Pipitone secondo indiscrezioni che circolano sui social dopo la trasmissione registrata ieri in Russia sembrano ridursi. La ragazza che cerca i genitori e somigliante alla bambina scomparsa il 1° settembre a Mazara del Vallo nel 2004, non sarebbe la figlia di Piera Maggio.

Da come si intuisce da varie foto e post sui social sulla trasmissione della tv russa registrata ieri, Olesya Rostova, il cui vero nome sarebbe Angela, avrebbe incontrato la sua vera sorella biologica, Anastasia Nikulina Zhuchkova tanto che si sarebbero già aggiunte su Instagram (il profilo è @Play.yourself) e scambiate diversi like.

L'avvocato Giacomo Frazzitta, difensore di Piera Maggio, ha annunciato di avere depositato alla Procura di Marsala la documentazione su Olesya, che gli è stata inviata ieri prima del collegamento con il primo canale della Tv russa. "Il programma sarà trasmesso oggi alle 18:45 ora italiana e, come ho già detto ieri, ho preso l'impegno a non rivelare prima l'esito degli esami del sangue che potrebbero eventualmente dimostrare la compatibilità con quelli di Denise". L'accertamento del gruppo sanguigno non sarebbe tuttavia decisivo, in quanto sarebbero necessari ulteriori test comparativi sul Dna. In particolare tra Olesya Rostova, la ragazza che è stata rapita dai nomadi quando aveva la stessa età di Denise, e i genitori della bimba scomparsa in Sicilia, Piera Maggio e il papà naturale Pietro Pulizzi.

L'avvocato Frazzitta, pur non volendo fornire ulteriori particolari sulla documentazione trasmessa alla Procura, sottolinea tuttavia alcuni aspetti grotteschi della vicenda: "Durante la trasmissione - racconta il legale - a un certo punto è stata presentata una presunta sorella della protagonista del caso, anche lei russa, alla quale è stato chiesto cosa proverebbe nel caso Olesya dovesse trasferirsi in Sicilia".

L'attesa, comunque resta alta, segno che la Tv russa è riuscita a tenere in pugno, sfruttandolo per l'audience, il caso di Olesya Rostova. L'emittente non vuole rendere pubblici i risultati degli esami del gruppo sanguigno e del Dna ai quali era appesa la speranza di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone.

Ieri Tv1 ha registrato la puntata di "Lasciali parlare", che andrà in onda oggi e vuole alzare la suspense chiedendo a tutti i partecipanti, anche ad altre donne dell'est Europa che cercano la propria figlia, di mantenere il segreto su ciò che verrà svelato nel corso della trasmissione.

Piera Maggio non parla. Fa sentire la propria voce con qualche post sulle pagine di Facebook dicendosi, insieme col padre naturale di Denise, Piero Pulizzi, "cautamente speranzosa. La speranza di ritrovare e riabbracciare nostra figlia non è mai venuta a mancare. Attendiamo senza illuderci" dice.

A 17 anni dalla scomparsa, dopo innumerevoli segnalazioni, un processo (la sorellastra di Denise accusata del rapimento è stata assolta mentre il reato di favoreggiamento per il suo fidanzato è stato prescritto), le dichiarazioni di un presunto pentito che ha parlato anche con diversi particolari dell'omicidio della bambina, la vicenda di Denise tiene ancora tutti col fiato sospeso e spacca con quest'ultima vicenda l'opinione pubblica: c'è chi dice che la giovane russa ha poco o nulla di Denise e della madre e chi invece nota somiglianze.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X