Martedì, 13 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scuole chiuse anche in zona gialla: Palermo provincia con più nuovi contagi in Sicilia, le soglie di rischio
NUOVO DPCM

Scuole chiuse anche in zona gialla: Palermo provincia con più nuovi contagi in Sicilia, le soglie di rischio

La provincia di Palermo è quella che attualmente registra il maggior numero di contagi giornalieri in Sicilia. Se si prende come esempio la giornata di ieri, si sono registrati ben 293 casi sui 566 complessivi, seguiti da Catania 138 casi e Agrigento 32.

Numeri che cominciano a destare preoccupazione e che vanno letti con molta attenzione anche alla luce dell'ultimo Dpcm, il primo dell'era Draghi, che prevede la chiusura di tutte le scuole in zona rossa mentre in zona gialla e arancione, solo su decisione dei presidenti delle regioni o province autonome, "in tutte le aree regionali o provinciali nelle quali l'incidenza cumulativa settimanale dei contagi sia superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti oppure in caso di motivata ed eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico".

La chiusura, se si supera il limite dei 250 casi, non sarà automatica ma decisa dai singoli governatori. Prendendo in considerazione i dati Istat e quelli del ministero della salute, la soglia della provincia di Palermo, secondo una elaborazione del "Corriere della Sera", sarebbe di 439. Questa cifra rappresenterebbe i casi medi quotidiani per sette giorni consecutivi che potrebbe far scattare la chiusura delle scuole ma, sempre se il presidente della Regione volesse adottare tale provvedimento.

Chiuderebbero tutti gli istituti scolastici, anche gli asili e le elementari che erano stati "graziati" dal governo Conte anche in zona rossa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X