Domenica, 29 Marzo 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Abbonamenti pirata a pay tv, denunciati clienti per la prima volta: rischiano il carcere
GUARDIA DI FINANZA

Abbonamenti pirata a pay tv, denunciati clienti per la prima volta: rischiano il carcere

ricettazione, Sicilia, Cronaca

Identificate e denunciate 223 persone responsabili di aver acquistato abbonamenti pirata su internet che consentivano di vedere i contenuti delle principali piattaforme televisive a pagamento (film, serie ed eventi sportivi). Si tratta della prima volta in Italia.

L’operazione della Guardia di finanza - Nucleo speciale beni e servizi - è tuttora in corso e volta anche all’identificazione di ulteriori possibili soggetti coinvolti.

Acquistando abbonamenti di questo tipo i clienti si rendono responsabili del reato di ricettazione. La legge sul diritto d’autore prevede la confisca degli strumenti utilizzati per la fruizione del servizio: di conseguenza, ai 223 clienti in caso di condanna verranno confiscati televisore, pc e smartphone. Le sanzioni prevedono, inoltre, la reclusione fino ad otto anni ad una multa di 25.000 euro, oltre le spese legali.

Le indagini, che puntano ad individuare la centrale di trasmissione del segnale pirata, hanno finora evidenziato una complessa organizzazione del sistema composta da decine di "reseller" e centinaia di clienti che, tra l'altro, acquistando questi abbonamenti condividono con vere e proprie realtà criminali i propri dati personali, inclusi quelli anagrafici e bancari, lasciando traccia delle attività illecite.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X