Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
STRAGE DI CAPACI

Giovanni Brusca richiede i domiciliari, la Procura Antimafia: "È ravveduto"

mafia, Giovanni Brusca, Sicilia, Cronaca
Giovanni Brusca al momento dell'arresto nel 1996

Giovanni Brusca richiede gli arresti domiciliari. E secondo la Procura Nazionale Antimafia, dopo 23 anni di carcere, il killer della strage di Capaci potrebbe finire di scontare la pena ai domiciliari: "È ravveduto", è parere della Procura. "I pm sono d'accordo con me", dice Brusca.

Oggi la prima sezione penale della Corte di Cassazione si riunirà per decidere sul ricorso presentato dagli avvocati Antonella Cassandro e Manfredo Fiormonti contro la sentenza del tribunale di sorveglianza di Roma che aveva rigettato la richiesta dei domiciliari.

I legali contestano che nell’ultimo rifiuto del marzo scorso, il nono dal 2002, il tribunale di sorveglianza di Roma non abbia tenuto nella giusta considerazione le valutazioni del procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, che dopo i precedenti no ha detto sì all’ipotesi che il pentito sia detenuto a casa.

Sul caso interviene Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone e presidente della Fondazione che porta il nome del magistrato assassinato dalla mafia: "Fermo restando l'assoluto rispetto per le decisioni che prenderà la Cassazione, voglio ricordare che i magistrati si sono già espressi negativamente due volte sulla richiesta di domiciliari presentata dai legali di Giovanni Brusca. Il tribunale di sorveglianza di Roma, solo ad aprile scorso, negandogli la scarcerazione, ha avanzato pesantissimi dubbi sul suo reale ravvedimento".

E ancora si legge In una nota: "Ricordo ancora che Giovanni Brusca proprio grazie alla collaborazione con la giustizia ha potuto beneficiare di premialità importanti: oltre a evitare l'ergastolo per le decine di omicidi che ha commesso, tra questi cito solo quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, strangolato e sciolto nell'acido a 15 anni- ha usufruito di 80 permessi. Il suo passato criminale, l'efferatezza e la spietatezza delle sue condotte e il controverso percorso nel collaborare con la giustizia che ha avuto luci e ombre, come è stato sottolineato nel tempo da più autorità giudiziarie, - conclude - lo rendono un personaggio ancora ambiguo e non meritevole di ulteriori benefici".

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X