Mercoledì, 22 Maggio 2019
L'INCHIESTA

Siri indagato non si dimette, il ministro Toninelli gli toglie tutte le deleghe

corruzione, Siri indagato, Armando Siri, Danilo Toninelli, Sicilia, Cronaca
Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli

"Alla luce delle indagini delle procure di Roma e Palermo, con il coinvolgimento della Direzione investigativa antimafia di Trapani, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha disposto il ritiro delle deleghe al sottosegretario Armando Siri, in attesa che la vicenda giudiziaria assuma contorni di maggiore chiarezza. Secondo il ministro, una inchiesta per corruzione impone infatti in queste ore massima attenzione e cautela". Lo si legge in una nota del Ministero.

Oggi lo stesso Di Maio aveva invitato il sottosegretario a lasciare l'incarico, ma da Siri era arrivato un netto rifiuto. "Non ho fatto niente di male: non ho ragioni per dimettermi", ha risposto.

Il nome di Armando Siri è comparso in primo piano, in questo anno, ai tavoli principali del governo gialloverde. Senatore leghista e sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, ha spesso travalicato le sue deleghe e varcato il ministero dell'Economia, tanto da far sbottare il viceministro M5s Laura Castelli: "Sono certa che anche al Mit c'è tanto da fare...". Ma di energia e di eolico - sottolineano dal suo staff, commentando a caldo quanto emerge dall'inchiesta di Palermo - "non si è mai occupato".

Genovese trapiantato a Milano, Siri ha 47 anni e una figlia. Giornalista di Mediaset e socialista craxiano, si avvicina a Forza Italia prima di scrivere un libro ("L'Italia nuova, l'inizio") e fondare nel 2010 un suo movimento, il Partito Italia Nuova (Pin). Dal 2014 entra nell'orbita salviniana, diventa consigliere economico oltre che responsabile della scuola di formazione politica della Lega. E' tra i protagonisti della svolta nazionale del partito fondato da Bossi. Al fianco di Salvini in incontri come quello con Steve Bannon, è considerato l'ideologo della flat tax, con aliquota al 15%.

Alla nascita dell'esecutivo, Siri giura da sottosegretario al ministero guidato da Toninelli, con numerose deleghe (ora sospese): dai sistemi informativi e statistici, allo sviluppo del territorio, al sistema delle città. E ancora: riqualificazione urbana, navigazione, aeroporti e trasporto aereo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X