Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tragedia in autostrada a Verona, bus di studenti si schianta e prende fuoco: 16 morti
LE FOTO

Tragedia in autostrada a Verona, bus di studenti si schianta e prende fuoco: 16 morti

VERONA. I 'ragazzi della via Pal' hanno trovato la morte contro un pilastro dell'autostrada A4 Brescia Padova, all'altezza dell'uscita di Verona Est, in direzione Venezia. Richter, Annuska, Csilla, Nemecseki...in 16 hanno perso la vita la notte scorsa nello schianto e nel rogo del pullman granturismo sul quale viaggiavano per fare ritorno a Budapest, alle aule del liceo classico 'Szinnyei', dopo una vacanza sulle nevi, a Saint Vincent, in Francia.

L'impatto li ha colti praticamente nel sonno. Davanti ai vigili del fuoco e alla stradale, accorsi sul posto assieme agli addetti della società autostradale, sono apparse delle scene raccapriccianti: alcuni dei ragazzi erano stati sbalzati fuori dal mezzo e i superstiti erano molto scossi e scioccati.

Molti di loro sono stati salvati dall'intervento già definito eroico del professore di educazione fisica Gyoergy Vigh che non ha esitato ad entrare e a uscire dal pullman in fiamme portando fuori numerosi ragazzi uno ad uno. L'uomo è ora ricoverato con gravi ustioni sulla schiena ma non è in pericolo di vita.

Lo schianto del pullman a Verona, le drammatiche immagini dall'autostrada - Foto

Immediata si è messa in moto la macchina dei soccorsi e anche quella della solidarietà con gli agenti della polstrada pronti a vestire ragazzi, molti in maniche corte, con i loro giubbotti e a calzarli con i loro stivali. Una solidarietà andata crescendo durante il giorno con gli ungheresi residenti a Verona e tanti altri cittadini comuni che hanno portato ai sopravvissuti, che tutto hanno perso nel rogo, generi di prima necessità e capi di vestiario. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha portato il cordoglio degli italiani in una lettera al presidente della Repubblica di Ungheria Janos Ader.  Messaggio al quale si è unito quello del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che nel corso di un colloquio telefonico con il primo ministro ungherese Viktor Orban ha espresso le condoglianze e la
vicinanza ai familiari delle vittime dell'incendio e del ministro degli Esteri Alfano.

Accanto alla macchina dei soccorsi si è messa subito in movimento anche quella della giustizia, della ricerca delle cause, delle verifiche di testimonianze che parlano di un problema a una ruota, di un pullman che sbandava, di fumo e scintille che uscivano dal motore. C'è da capire se c'è stato un malore o un colpo di sonno del conducente oppure se si è trattato di un guasto tecnico. La Procura di Verona ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo stradale. «La situazione - ha detto il procuratore aggiunto reggente Angela Barbaglio - è molto complessa sia dal punto di vista della causa del tragico evento sia per le difficoltà legate allo stato dei corpi delle vittime per l'identificazione». «Dobbiamo sapere cosa è successo - ha spiegato - e dobbiamo sapere la causa della morte di 16 persone».

Tra gli interrogativi anche quelli legati al possibile nesso causale tra l'impatto e l'immediato scoppio di un incendio che ha distrutto il pullman, che andava a gasolio, e ha ucciso varie persone. La stradale dovrà ricostruire anche nel dettaglio il viaggio di ritorno dalla Francia del veicolo e i meccanismi di cambio alla guida e riposo tra i due autisti che risulterebbero essere stati presenti sul pullman. Secondo quanto dichiarato dal console ungherese Judit Timaffy il cambio alla guida sarebbe avvenuto circa un'ora prima dell'impatto.
Circostanza confermata da alcuni studenti secondo i quali i due autisti si sarebbero avvicendati in un'area di servizio nei pressi di Milano.

Tra il materiale che dovranno prendere in considerazione i periti tecnici e giudiziari anche la testimonianza di un autista slovacco. «Ho visto il pullman sputare fuoco nero dal motore. Fumo e scintille. Eravamo all'altezza di Desenzano ho provato a segnalare il problema con il clacson e i fari ma non ho ottenuto risposta» ha detto alla Polstrada dove si è presentato spontaneamente. «Ho fatto di tutto ma il bus si è allontanato a 110 all'ora. L'ho ritrovato più tardi in fiamme» ha concluso sconcertato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X